?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Non dire madre
Non dire madre
Dora Albanese 
blank
Romanzo, Italia 2009
188 pp.
Prezzo di copertina € 12
Editore: Hacca , 2009
ISBN 9788889920343


Hacca

Dora Albanese racconta tre metamorfosi sociali e culturali del Sud postbellico: la dura maternitÓ della Lucania "interna", ancora legata a feroci e dolcissimi stili contadini; la frustrata maternitÓ piccolo borghese di una Matera "piana", dimentica della superba e misera civiltÓ dei Sassi; e, infine, la maternitÓ delle nuove generazioni, sospese tra "ritorni al passato", fastidi per un benessere di facciata, e goffi e ostinati tentativi di abbracciare il mondo, magari attraverso un altro topos di questo libro, quello dell'emigrazione.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Non dire madre: La maternitÓ ai tempi di Matera

Dopo questo racconto mi sollevai dalla sedia, salutai con un bacio mia nonna e portai via con me la conca di rame, senza che lei dicesse niente.
Al primo bidone della spazzatura la buttai, con un nodo in gola, guardandomi le spalle. Spaventata, come se fossi stata anch'io complice di quel lontano e assurdo delitto.


In questa raccolta di racconti l'autrice presenta diverse storie in cui prevale il tema della maternitÓ. I protagonisti dei racconti si muovono tra i Sassi della cittadina di origine dell'autrice e i sassi che costellano il loro cammino, fisico e spirituale, sassi anch'essi fisici e spirituali. Dove i sassi possono essere i partner, di una vita oppure occasionali, i genitori, i figli, gli amici, i nonni, se stessi... o meglio, se stesse, soprattutto madri.

Le trame dei racconti affrontano quindi il tema dei sentimenti, degli affetti, delle disperazioni, nascoste oppure urlate, anche senza voce. Racconti fondamentalmente intimistici, dove non ci sono vere trame narrative ma piuttosto trame di vita, vista o vissuta, di amori finiti, mai iniziati, o anche soltanto sognati. E di madri: passate, che stanno per diventarlo, o che non lo saranno mai. E ancora di figli, lontani dalle madri e dai padri, lontani dal loro passato e forse lontani anche dal futuro, uno qualsiasi. In conclusione, racconti da leggere solo se non si cercano storie d'evasione, solo se si Ŕ interessati a leggere di sentimenti di gente comune, di donne comuni, che si muovono tra situazioni comuni. Anche lontano da Matera.



Luigi Brasili  (15-01-2011)

Leggi tutte le recensioni di Luigi Brasili


Vota il libro!
La media è 2.92 (26 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom