?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
La gente che sta bene
La gente che sta bene
Duchesne  
blank
Romanzo, Italia 2011
270 pp.
Prezzo di copertina € 17,50
Editore: Marsilio , 2011
ISBN 978-88-317-0856


Marsilio

Nella frenesia professionale di una Milano abbacinante e afosa, è immerso Giuseppe Sobreroni: avvocato di successo, moglie per bene, figli splendidi, non conosce vacanza che appaghi la sua ambizione, la sua voglia di successo, la sua carriera in ascesa. Un party importante, l'intervista in uscita su un'autorevole rivista specializzata, le altolocate conoscenze, fanno di lui un personaggio incapace del benché minimo dubbio. Ma tutto questo sarà preludio di una tragedia improvvisa, catarsi finale dell'uomo "moderno".

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

La gente che sta bene: Office Manager

Se uno dice una cosa falsa è una bugia, se dieci dicono una cosa falsa è una verità, se cento dicono una cosa falsa è un programma politico.

Per chi di voi ricorda Andrea Campi, il tormentato avvocato che "non si sentiva tanto bene", possiamo dire che lavoro nuovo, amore nuovo, ora sta decisamente meglio. Ma il suo capo no, Giuseppe Ilario Sobreroni è ancora lì, a decidere la sezione fotografica del sito, in mezzo ad una sterminata rassegna di avvocati d'affari, alcuni immortalati davanti alla biblioteca, altri apparecchiati alla scrivania, tutti con l'espressione sorniona di chi l'ha fatta sporca ma sa che la passerà liscia. Da un uomo in crisi ad uno che non sa di esserlo, il passo è stato breve. E gradito. Questo secondo romanzo di Federico Baccomo "Duchesne", senza blog arriva ugualmente a descrivere giorni improbabili di professionisti di successo: Andrea Campi ha mollato lo studio e il suo capo, portandosi via pause caffé esilaranti, crisi esistenziali profonde, momenti di autentica ironia caustica, lasciando solo Giuseppe Sobreroni che, possiamo dire, non è un essere esattamente eroico. Ma ci piace lo stesso, e non per quella pietas che ispira l'antieroe, bensì per quel senso di inadeguatezza che prova (e ci fa provare) quando (non)tenta di mettersi in contatto con se stesso. Diciamo pure che il romanzo è meno divertente dell'altro - perdonatemi, ma destino vuole vada così per tutti "i secondi" che seguono il libro rivelazione. Però cattura e affascina, come un giallo, per la buona la suspence propiziatoria di colpi di scena improvvisi. Aspettiamo il terzo romanzo... Bravo Duchesne!

Tania Di Giacomantonio  (15-01-2011)

Leggi tutte le recensioni di Tania Di Giacomantonio


Vota il libro!
La media è 2.64 (128 voti)
 

Dello stesso autore
Studio illegale
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom