?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Le tre vite di Nella
Le tre vite di Nella
Maria Luisa Righi 
blank
Saggio, Italia 2009
357 pp.
Prezzo di copertina € 20
Editore: Sipiel , 2009
ISBN 978-88-380-0265-6




Sollecitata dalle domande di Maria Luisa Righi, Nella Marcellino ricostruisce la storia della sua famiglia e la sua vicenda personale che la vede esule in Francia ad appena sei anni, in contatto con la Resistenza prima a Parigi e a Bruxelles - a quattordici anni la prima missione clandestina - e poi in Italia. Nel dopoguerra sarà dirigente del PCI, la più giovane deputata eletta nelle elezioni del 1948, e poi negli anni '60 segretaria nazionale del sindacato delle industrie alimentari e dei tessili fino al 1992. Sullo sfondo più di cinquant'anni di storia italiana ricostruiti con fedeltà e passione da chi li ha vissuti da protagonista.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Le tre vite di Nella: Sempre in prima linea

Questa generazione di militanti antifascisti ha dovuto subire il carcere, il confino, l'esilio, i campi di concentramento e ha patito lunghe separazioni. I figli, specie se piccoli, ne soffrirono molto... A Parigi ne ho conosciuti tanti rimasti separati dai genitori, affidati ai nonni o anche a semplici conoscenti. Ciascuno reagiva a suo modo, ma a tutti è rimasta come una cicatrice nell'anima.

Nell'imbarbarimento della politica, nei tempi bui della vita civile ed economica, il libro/intervista curato da Maria Luisa Righi e dedicato alla vita - alle tre vite - di Nella Marcellino è una ventata di aria fresca in un ambiente chiuso e maleodorante, un raggio di sole in una giornata di nebbia fitta che tutto avvolge senza permettere di distinguere quale sia la direzione di marcia.
Le tre vite di Nella è una lettura che mi sento di consigliare un po' a tutti, a chi non ha più speranza, ai rassegnati, ai disillusi, così come ai cinici di ieri e di oggi, quelli che "ogni uomo ha un suo prezzo", "la politica è una cosa sporca", "i politici sono tutti uguali".
E poi ci sono, per fortuna, coloro che credono, nonostante tutto, nella possibilità di un cambiamento che dia nuova forza ai valori e agli ideali che ispirarono i primi padri costituenti firmatari della nostra Costituzione. Questi 'don Chisciotte' troveranno in questo libro un motivo in più di speranza e di fiducia, speranza non come attesa passiva ma come impegno per costruire insieme il nostro futuro e quello delle generazioni a venire.
E' l'impegno a cui fa riferimento anche Bruno Ugolini nella bella prefazione.
"Non è solo un memoriale, è un vero e proprio romanzo storico-politico che ripercorre quasi cento anni della storia italiana ... La protagonista incontra, nel corso delle sue tre vite, da giovanissima partigiana, da dirigente del Partito Comunista, e da dirigente della Cgil, una gran folla di uomini e di donne. Molti hanno nomi importanti, conosciuti. Altri sono meno noti. Tutti hanno partecipato, con Nella, a una lotta, a un impegno che non è mai finito".
Sollecitata dalle domande di Maria Luisa Righi, Nella Marcellino ricorda il padre Guglielmo, operaio antifascista costretto alla fuga a Parigi dove lo raggiungeranno la moglie e la figlia. Guglielmo è in contatto con la Resistenza francese e con l'Internazionale Comunista che lo indurrà a trasferirsi a Bruxelles con tutta la famiglia. Torneranno a Parigi nel '38. A Nella, appena quindicenne, viene affidata la sua prima missione clandestina.
"E' con il ritorno a Parigi nel '38 che nasce la mia passione e il mio impegno per la politica ... Le prime entusiasmanti iniziative alle quali partecipai furono le grandi campagne per affermare e difendere le realizzazioni sociali e politiche del Fronte popolare, poi quelle per la difesa della pace... Partecipai alle grandi manifestazioni a favore della Repubblica spagnola e a sostegno delle Brigate internazionali... E' in quelle manifestazioni che trovo la mia vocazione tra i lavoratori... E' allora che nasce in me la necessità di capire come va il mondo, cosa fare per renderlo più giusto, migliore, e da ciò l'esigenza di sapere, di portare avanti il dibattito fra le diverse idee e nel contrasto delle opinioni".
Crediamo sia una lezione importante, e questo libro l'occasione per non dimenticarla, un libro che, come dice ancora Ugolini, "può servire non solo a sollecitare la memoria degli anziani ... Può essere utile a tanti giovani che spesso nulla sanno del passato".
Se in primo piano ci sono le vicende private e familiari di Nella Marcellino, sullo sfondo scorrono le immagini dell'Italia che si affaccia sul novecento, le prime industrie e la nascita del sindacato, il fascismo, la guerra, la resistenza, il dopoguerra, il boom economico, le battaglie politiche e sindacali del secolo scorso.
Ma in questo libro c'è anche altro. "C'è - come recita la prefazione - il senso del sacrificio, della militanza dura, ma anche dell'allegria, dei piccoli piaceri guadagnati, della solidarietà e dell'energia che nasce a contatto con tanti altri, accomunati da una causa comune".
Sono queste le cose importanti che danno senso a un'esistenza e che la rendono piena e felice.


Giancarlo Montalbini  (28-11-2010)

Leggi tutte le recensioni di Giancarlo Montalbini


Vota il libro!
La media è 3.22 (68 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom