?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Il colore della vergogna
Il colore della vergogna
Alberto Paleari 
blank
Giallo, Italia 2010
198 pp.
Prezzo di copertina € 15,50
Editore: Todaro , 2010
ISBN 978-88-86981-87-3


Todaro

Un giallo milanese che porta alla luce la sconvolgente verità su di una certa alta borghesia.

naldina naldina naldina naldina naldinagrigio

Il colore della vergogna: Una verità nascosta

Frati pedofili, avvocati ladri e magistrati corrotti. In trentanove anni di servizio ho visto di tutto. Ma mai, proprio mai, un anarchico bussare alla Polizia.

All'alba di lunedì 8 dicembre 1969, in un prato del quartiere Lorenteggio di Milano viene scoperto il corpo senza vita di una ragazza. Il cadavere reca sulla testa un sacchetto di cellophane e la giovane ha le vene dei polsi tagliati. Questi primi particolari, oltre al fatto che la donna risulterebbe essere "una brava ragazza", inducono il commissario Oliveri - quasi l'omonimo del celebre scrittore di gialli meneghini - a voler investigare a fondo sulla faccenda. Solo che bisogna fare in fretta poiché al commissario - sovrappeso e inacidito da una dolorosa ulcera gastrica - manca meno di una settimana al pensionamento. L'indagine prende così avvio, in un clima reso rovente dalle manifestazioni e contromanifestazioni studentesche, che si svolgono quasi quotidianamente nel centro della metropoli lombarda. Oliveri, per comprendere il motivo di questo "strano suicidio" - come emerso da una prima ipotesi -, inizia le sue indagini fra i conoscenti della giovane appartenente alla piccola borghesia e scopre così che la ragazza aveva fatto amicizia con una coetanea della cosiddetta "Milano bene", oltre che con uno studente contestatore. Quest'ultimo verrà successivamente rinvenuto cadavere e l'investigatore sarà così costretto a muoversi soprattutto negli ambienti della sinistra extraparlamentare, pur non scordando di indagare anche nell'ambito dell'alta borghesia, dati gli "ambigui" rapporti di amicizia che la giovane vittima intratteneva. L'inchiesta tende così ad insinuarsi sempre più tra le pieghe e le piaghe di Milano, scoprendo in breve tempo incompatibilità inquietanti, che spingeranno l'ormai anziano commissario oltre le contraddittorie apparenze di agiati borghesi, politici, studenti universitari, femmes fatali, militari, prostitute e rappresentanti della "ligera" - la ormai scomparsa malavita milanese - sino ad uno sconvolgente, quanto inconfessabile, colpo di scena finale.
Un'indagine ostinata, quanto "condizionata" dai suoi superiori quella del commissario Oliveri, poiché penetrare troppo a fondo, soprattutto nelle pieghe dell'alta borghesia, non conviene a nessuno, tanto meno ad un poliziotto a fine carriera, se non si vuole correre il rischio di sapere decifrare qual è "il colore della vergogna". Una difficile inchiesta, che si svolge in una Milano grigiastra come il clima impone, in una metropoli dall'ambigua facciata: da un lato lanciatissima verso il progresso economico e sociale, dall'altro sconvolta dalle lotte intestine degli "opposti estremismi", una politica che la vedranno soccombere al tragico attentato di piazza Fontana.
Al commissario Oliveri non rimane così che scavare fra i dubbi emersi e barcamenarsi in un vero ginepraio formato di false piste per riuscire perlomeno a comprendere la miseria sociale e morale che avvelena l'intera vicenda.
Un poliziesco davvero intenso, quello scritto da Alberto Paleari - alla sua prima prova letteraria con un romanzo -, ben composto ed ancor meglio concepito, da cui emerge l'atmosfera della Milano fine anni '60, una metropoli al confine tra il benessere economico e le "stragi di Stato". Una città nella quale sta per emergere la cosiddetta nuova classe dirigente, formata da componenti dell'alta borghesia, una borghesia che non conosce scrupoli, tanto meno morali, come si evincerà man mano che si procederà nella lettura del lancinante Il colore della vergogna.


Roberto Barzi  (08-10-2010)

Leggi tutte le recensioni di Roberto Barzi


Vota il libro!
La media è 3.41 (84 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom