?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Angolo di riposo
Angle of Repose
Wallace Stegner 
blank
Romanzo, Stati uniti 1970
800 pp.
Prezzo di copertina € 14,40
Traduzione: Ernestina Pellegrini Edward Tosques
Editore: BUR , 2010
ISBN 9788817038782


BUR

Partendo dai resti di una corrispondenza che risale al diciannovesimo secolo, Lyman Ward fa rivivere l'albero genealogico della sua famiglia partita per conquistare il West e approdata, infine, nel mezzo del nulla.

naldina naldina naldina naldina naldinagrigio

Angolo di riposo: West of Fields, un'epopea americana secondo Wallace Stegner

Questo è un luogo in cui si può essere molto felici, lo siamo, lo saremo, ma c'è un pensiero condiviso che pure non esprimiamo spesso, un pensiero che resta sul fondo della nostra vita qui, e cioè che questa non è la nostra vera casa, che non apparteniamo a questo luogo tranne per il modo con cui le circostanze ci trattengono.

Tutto comincia con un pacco di lettere in arrivo da un altro secolo, testimonianza di una profonda amicizia femminile e insieme di una vita tanto intensa quanto incompleta, quella di Susan Burling Ward. A rimetterne insieme la storia attraverso le sue lettere all'amica Augusta è il nipote, Lyman Ward. Storico in pensione, mutilato da una malattia ossea, separato dalla moglie, rivive le vicende famigliari in un'altra ottica. All'inizio cerca di mantenersi equidistante nei giudizi e rispetto ai modelli linguistici e morali ("Non ne faccio un caso personale. Soltanto culturale", dice con poca convinzione) poi, più si addentra nella storia, più si ritrova a confrontarsi con il sogno di una famiglia, e quello di una nazione. La costruzione del West, e del suo mito, che Lyman Ward segue dal punto di vista femminile dell'East, lo porta a raccontarlo con una sorta di realismo fuori dai luoghi comuni e dai cliché, spiegando che di selvaggio aveva la natura della colonizzazione ("So come gli americani reagiscono quando i loro interessi si scontrano con i diritti degli indiani. Reagiscono in modo disonorevole") piuttosto che la natura della wilderness, le logiche dello sfruttamento e del mercato piuttosto che le logiche dell'ambiente naturale, le prevaricazioni degli esseri umani sugli altri esseri umani (e su tutto quanto) piuttosto che le biologiche conseguenze della catena alimentare. La sua visione diventa esplicita, e "politica", quando scrive: "Esistono tanti pregiudizi sul vecchio West. Uno fra questi lo dipinge come la patria di un intrattabile senso di scostante autosufficienza che sconfina nell'anarchia, quando invece gran parte del West era assoggettato a capitali proveniente dall'East o dall'estero, gestiti dai padroni con pugno di ferro". Laggiù, Susan Ward sacrifica le sue più che legittime aspirazioni artistiche, le forbite conversazioni e le amicizie seguendo i mulini a vento del marito, le miniere e i canali nel deserto. "Viviamo nel tempo e viviamo attraverso di esso, costruiamo le nostre baracche sulle sue rovine" scrive Wallace Stegner alias Lyman Ward e il contrasto tra la claustrofobia del narratore, le sue mutilazioni e la wilderness del West, dei canyon, e delle montagne (una mutilazione invece per la nonna, tutti quegli spazi aperti) intrecciano tempi e ricordi facendo riverberare echi da un secolo all'altro. La grande abilità di Wallace Stegner è prendere un ritmo, un tono a partire dalle primissime pagine e non mollarlo più fino alla fine, nonostante i cambi di scenari (dalle praterie infinite alle pareti di una vasca da bagno), di voci (dalle colte riunioni della East Coast alle rozze vicissitudini della West Coast), dei linguaggi parlati da un nugolo straordinario di personaggi femminili. Fosse soltanto per questo Angolo di riposo meriterebbe ben più del Pulitzer (che sperimentò nel 1970), ma c'è di più. Essendo una miniera con due filoni che si sovrappongono, le vite di Lyman Ward e quelle dei suoi nonni (e un terzo, quello della storia del West, compreso nel prezzo) si scopre che c'è molta durezza nella vita di tutti, secolo prima, secolo dopo, e viene mitigata soltanto dalla dolcezza dei ricordi o meglio dalla dolcezza con cui i ricordi prendono forma. L'effetto Doppler, che Wallace Stegner cita con insistenza, è tutto qui, ed è l'unico, vero angolo di riposo.

Marco Denti  (07-09-2010)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 3.1 (50 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom