?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
La mamma del sole
La mamma del sole
Andrea Vitali 
blank
Giallo, Italia 2010
286 pp.
Prezzo di copertina € 18,60
Editore: Garzanti , 2010
ISBN 978-88-11-68632-3


Garzanti

Misteri su misteri nella caserma dei carabinieri di Bellano: un'anziana donna scomparsa, le bugie dell'arciprete, un irreprensibile commendatore che proprio irreprensibile non è, il vetro rotto del cesso della caserma e le richieste di note informative da parte dei superiori e della segreteria provinciale del PNF. Forse per le indagini possiamo dare una mano al maresciallo Maccadò.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

La mamma del sole: Anche i carabinieri hanno un cuore

Era l'ora canaglia in cui strade, muri e lago sembravano soffiare fuori tutta l'aria calda che erano stati costretti a respirare nel corso della giornata... A sudare non ci voleva niente, bastava il pensiero. E di pensieri stava vivendo la caserma in quel momento.

Andrea Vitali costituisce un singolare caso letterario: dopo un esordio in sordina negli anni '90 ha trovato un editore importante che ha creduto in lui e in poco tempo ha conquistato critica e pubblico.
Numerosi i riconoscimenti e i premi importanti messi in bacheca, ma sono soprattutto il giudizio e l'apprezzamento dei lettori che hanno decretato il suo successo e fanno sì che ogni suo nuovo romanzo, nel volgere di poche settimane, scali le classifiche di vendita.
Squadra vincente non si cambia e Vitali, anche nell'ultimo La mamma del sole, rimane fedele a un modello ampiamente consolidato che costituisce in qualche modo la sua cifra narrativa.
Ridurre tutto a "dove" e "quando" è forse semplicistico ma sono questi gli elementi più evidenti che ricorrono sempre.
Quasi tutti i romanzi di Vitali sono ambientati negli anni trenta e tutti a Bellano, un piccolo paese sulla sponda orientale del lago di Como.
Il riferirsi a un passato lontano ma non troppo consente allo scrittore di distanziarsi dalla storia movendosi con maggiore libertà e giocando con registri diversi, l'ironia sottile che ora si fa comicità sfacciata per lasciare poi il posto a una voce velata di malinconia. Sembra a volte di sfogliare un vecchio album di fotografie ingiallite dal tempo, dove la foggia degli abiti e dei copricapo induce al sorriso ma intenerisce il cuore.
E poi c'è il paese, uguale a mille altri paesi nella piazza della chiesa, il bar all'angolo dove i pensionati giocano a tresette, il campetto dell'oratorio in terra battuta con i ragazzini che rincorrono un pallone, le case strette l'una all'altra con le sedie fuori della porta e le chiacchiere delle donne alle finestre, le persiane spalancate d'inverno per far entrare il sole e socchiuse d'estate per non far scappare il fresco.
Ma la sua Bellano Vitali la conosce bene e dunque non si limita a un quadretto oleografico e di maniera ma ce la fa percorrere strada per strada, vicolo per vicolo, ci fa vedere gli intonaci scrostati e i fiori sui davanzali, ci fa vivere il ritmo rallentato delle giornate tutte uguali, ci fa respirare l'aria del lago. Come per magia quel paese uguale a mille altri paesi ci appare unico perché è diventato un po' anche il nostro.
E poi ci sono i personaggi che ci sembra di conoscere, l'arciprete con il sagrestano e la perpetua, il medico condotto, il farmacista, gli uomini in divisa della locale stazione dei carabinieri.
Proprio i carabinieri sono destinati a diventare i protagonisti perché c'è sempre un mistero su cui indagare.
Nel romanzo La mamma del sole i misteri sono tanti. Non potendo svelarli in questa sede mi limito a buttare là qualche domanda, come sassolini nel lago.
Chi è la vecchietta che, in un canicolare pomeriggio estivo, attraversa la piazza per dirigersi verso la chiesa e chiede di don Carlo? Quali segreti nasconde? E perché don Carlo mente dicendo di non averla mai vista? Il problema è serio dal momento che l'anziana donna improvvisamente sembra volatilizzarsi. E poi ci sono quelle richieste di informazioni da parte della tenenza di Lecco e della segreteria provinciale del PNF riguardo Veria Berilli. Cosa mai vorranno sapere? Il Federale in persona si interessa della cosa e il responsabile della locale sezione del partito, il cav. Vignetta, comincia a preoccuparsi. Anche l'appuntato Misfatti non è tranquillo: quando ci si mette in mezzo la politica è meglio muoversi con cautela. Le cose si complicano ancor di più quando la richiesta di informazioni riguarda il carabiniere Milagra. Cosa avrà mai combinato?
Qualche volta le risposte sono dietro l'angolo, altre volte affondano le loro radici in un passato che nessuno ha interesse a resuscitare.
Nel complesso un romanzo accattivante, scritto con brio e leggerezza. Chi conosce già Vitali non potrà che apprezzarlo, per chi non lo conosce... è l'occasione buona per colmare la lacuna.


Giancarlo Montalbini  (29-06-2010)

Leggi tutte le recensioni di Giancarlo Montalbini


Vota il libro!
La media è 3.05 (52 voti)
 

Dello stesso autore
Una finestra vistalago
Il segreto di Ortelia
La modista
Dopo lunga e penosa malattia
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom