?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Una lunga strada da fare. New York/San Francisco. Primavera 1963.
I See By My Outfit
Peter S. Beagle 
blank
Romanzo, Stati Uniti 1964
280 pp.
Prezzo di copertina € 18
Traduzione: Nicola Manuppelli
Editore: Mattioli 1885 , 2010
ISBN 9788862611558


Mattioli 1885

Due scooter attraversano l'America per un viaggio che non è soltanto la scoperta di una strada infinita, ma è anche un lungo addio, una svolta nella vita e nella storia.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Una lunga strada da fare: L'ultima primavera degli scooter, attraverso l'America (e l'amicizia) con Peter S. Beagle

La maggior parte delle città e dei paesi, sia quelli simili a vecchie puttane sia quelli simili a vergini brutte, hanno un bell'aspetto di primo mattino, quando nessuno è ancora sveglio e la loro immagine non ha ancora cominciato ad appassire. Il giorno è pieno di speranza, almeno fino a quando non arriva la posta.

Di viaggi "coast to coast" si è nutrita all'infinito la narrativa americana e per molti basta e avanza il biglietto di sola andata. La "lunga strada da fare" di Peter S. Beagle è un caso a parte. Peter e l'amico Phil partono da New York, destinazione San Francisco, seguendo (molti anni prima di William Least Heat-Moon) le "strade blu", le vie secondarie nelle mappe americane che allineano, come in una catena di visioni, una "smalltown" dopo l'altra. La scelta dello scooter è dovuta un po' al fatto che i soldi sono quelli che sono (pochi) e un po' al fatto che almeno per una buona metà dei viaggiatori quella traversata non è senza meta o scopo. Peter è atteso da Enid, sua futura moglie, e da un pargolo in arrivo. Phil, che lo segue senza esitazioni, ha solo il viaggio che diventa un rito di passaggio, quasi il presagio di un'amicizia che finirà e con essa anche tutto un tempo. "Ognuno porta sempre con sé ciò che desidera" e per una buona metà della "lunga strada da fare" non è facile scrutare nelle emozioni e nelle suggestioni che animano Peter e Phil. I due viaggiatori hanno molto da fare. Cantano, dipingono, prendono appunti. Devono far fronte alle necessità degli scooter, alle intemperie, agli enigmi degli incontri (specie quando è la polizia a beccarli) e devono inventarsi il pane quotidiano perché "vedere il mondo e suonare la chitarra è un duro lavoro". La narrazione è una collezione di piccoli episodi, un diario di arrivi e partenze, di paesaggi che scorrono infiniti ("Se guardi abbastanza a lungo anche il paesaggio più spoglio, puoi trovarci i colori più straordinari: rosso fuoco, grigio argentato, rosa sopra ogni tronco d'albero, o improvvisi fili d'erba che sembrano quasi bianchi") e di una percezione che ha il sapore di una consapevolezza ancora acerba ("Ci fermiamo prima del tramonto perché si prova una strana solitudine guidando una cosa così piccola come uno scooter quando viene buio. Il freddo inizia a radicarsi nei nostri corpi come un fiore notturno e ci sentiamo soli, come se l'altro non fosse lì e non avessimo nessun posto dove tornare, più smarriti di quanto la lontananza da casa renda plausibile"). Gioca il suo ruolo anche il fatto che è la primavera del 1963: molte speranze e molti sogni stanno ancora germogliando, l'autunno è ancora lontano e Peter e Phil hanno la sensazione di seguire una moltitudine di compagni di viaggio, almeno fino a quando qualcosa tra loro non s'insinua, ed è per sempre. "Perché ti sei messo a pensare al dopo così all'improvviso? Che cos'è, un piccolo sabotaggio della quinta colonna?", si chiedono quando ormai il viaggio è giunto ad un punto di non ritorno. Il "dopo" è il vero capolinea del viaggio attraverso l'America, quel dopo in cui "si esauriscono le canzoni da cantare, i giochi da fare, le poesie da ricordare, gli interrogativi sulla vita sessuale. Si comincia a pensare a se stessi e alle proprie ragioni e le domande crescono lentamente dentro di te, come le zanne di un cinghiale". La primavera degli scooter sfiorisce e viene la stagione dei rimpianti, delle diatribe, dei rancori e delle malinconie. Viene il "grande freddo", e buonanotte ai suonatori. Nella nuova edizione (accurata e minuziosa) c'è una doppia postfazione curata dallo stesso Peter S. Beagle. Nella prima parte racconta cosa è successo "dopo", un breve e amaro resoconto dal capolinea della "lunga strada da fare" in poi. L'ultimo frammento è invece dedicato ai suoi "italian days", ovvero al diario dei suoi viaggi italiani. Una splendida riscoperta.

Marco Denti  (26-06-2010)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.98 (78 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom