?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Autobiografia alla batteria. Yes, King Crimson, Earthworks e non solo
Bill Bruford, the autobiography. Yes, King Crimson, Earthworks, and more
Bill Bruford 
blank
Autobiografia, Inghilterra 2009
400 pp.
Prezzo di copertina € 25
Editore: Aereostella , 2010
ISBN 9788896212073


Aereostella

Uno dei più noti e apprezzati batteristi sulla scena internazionale, Bill Bruford traccia attraverso la sua autobiografia tutta una visione storica del rapporto con la musica e con il mondo dello spettacolo nella seconda metà del ventesimo secolo.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Autobiografia alla batteria: Il ritmo del tempo secondo Bill Bruford

Permettere che sia la casa discografica a creare la musica è tanto saggio quanto affidare i soldi ai musicisti: come ogni buon musicista sa bene, in pratica significa che non ti resterà in mano niente. E chi esce per ultimo spenga la luce.

C'è una questione che ricorre spesso nel libro di Bill Buford ed è: perché nessuno chiede mai a un batterista della sua vita, della famiglia, dei legami? Il libro risponde a quell'interrogativo partendo da un'altra serie di domande che nascondono altrettanti luoghi comuni. Come hai cominciato? Da dove prendi il sound? Ti piacciono le interviste? Vedi ancora gli altri? E soprattutto: sì, ma di giorno cosa fai? Questo succede perché Bill Bruford non è Robert Fripp (quella è un'altra delle domande fondamentali: com'è lavorare con lui?) e pur essendo un eccellente musicista, ha sempre avuto un rapporto controverso con il successo e la popolarità. Come dice lui stesso in un passaggio piuttosto eloquente: "Si dice che il primo obiettivo di un musicista sia di sopravvivere al fallimento, il secondo di sopravvivere al successo. Io ho dovuto sopportare il primo solo per poco tempo e dal secondo non ho ricevuto danni permanenti, quindi mi considero relativamente fortunato e resto un accanito sostenitore della via di mezzo". Dagli inizi, quando la sorella gli regala un paio di spazzole e per Bill Bruford "il ritmo sembrava ovunque ma nessuno sembrava accorgersene" fino all'approdo ad alcuni tra i maggiori gruppi della seconda metà del ventesismo secolo dagli Yes ai Genesis ai King Crimson fino alla ritrovata identità di jazzista, la ricostruzione della sua biografia è sincera, ricca di aneddoti, di spunti polemici ed è persino dolente nel raccontare il suo intimo rapporto con la musica. Nella parte conclusiva, quando Bill Bruford riflette sul suo annunciato ritiro diventa una specie di confessione a cuore aperto: "Con questa cosa potente che chiamiamo musica ognuno gioca a proprio rischio e pericolo. La musica, non intesa come puro divertimento, bensì come energia, è una forza che produce effetti su chiunque. I ricercatori cominciano a ipotizzare che il suo uso, o il suo abuso, giochi un ruolo ben più importante di quanto la gente abbia voluto credere finora, nel determinare il carattere e la direzione della civilizzazione. Il potere della musica è sfaccettato, talvolta incredibilmente violento, ed è impossibile comprenderlo pienamente". Ma nel libro c'è di più perché in quarant'anni di attività Bill Bruford non è stato soltanto un (grande) batterista, ma per sostenere la musica si è ritrovato a reinventarsi in dozzine di ruoli diversi e a confrontarsi con avvocati, giornalisti, promoter, manager e un tempo che non è mai stato il suo. La sua storia diventa una specie di manuale di sopravvivenza per chiunque decida di dedicare a uno strumento qualcosa in più delle ore lasciate a un hobby. Ci sono così tante domande che rimangono senza risposte da pensare che Bill Bruford voglia suggerire di approfondire quel dubbio che tutti fingono di non vedere perché l'unica, vera domanda è sempre quella: sì, ma ne vale la pena? In molti momenti di terrore (al Madison Square Garden, in quei minuti interminabili in cui la sua nuovissima batteria elettronica non ne vuole sapere di funzionare, per esempio) Bill Bruford sembra arrendersi all'evidenza, ma poi nella sua lunga e prolifica esperienza fissa un limite importante: "La musica, tanto per chi l'ascolta quanto per chi la fa, consente di vivere l'esperienza reale di un possibile stato ideale". E, sì, ne vale la pena.

Marco Denti  (04-05-2010)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.8 (40 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Cercasi batterista, chiamare Alice
Improvvisazioni per chitarra e batteria
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom