?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
La strada. Diari di un vagabondo
The Road, The Tramp Diary, The Tramp, How I Became a Socialist, The Princess.
Jack London 
blank
Romanzo, Stati Uniti 1907
270 pp.
Prezzo di copertina € 16
Traduzione: Davide Sapienza
Editore: Castelvecchi , 2010
ISBN 9788876153624


Castelvecchi

Tra il 1906 e il 1907, Jack London annota giorno per giorno le storie di un'America emarginata, povera, vessata in continuazione dalla violenza istituzionale che si scontra con l'immagine ufficiale di una grande nazione che sta emergendo nella prosopopea del progresso e della rivoluzione industriale.

naldina naldina naldina naldina naldinagrigio

La strada: Only a Hobo, su e giù dai treni con Jack London

Andate dai poveri a imparare, poiché è il povero che davvero conosce la carità. Non danno e non trattengono nulla di ciò che è superfluo. Non sanno cosa sia il superfluo. Danno un po' di quello che serve a loro senza mai tenere ciò che spesso occorrerebbe terribilmente a loro. Carità non è dare un osso al cane. Carità è condividere l'osso con il cane quando tu hai fame quanto il cane.

Il viaggio raccontato e raccolto da Jack London nei suoi giornali quotidiani è l'antenato primordiale di tutti i pellegrinaggi americani. Da John Steinbeck a Woody Guthrie, attraverso James Agee e infine Jack Kerouac, e compresi testimoni oculari come Tom Kromer e Bertha Thompson, La strada ha compiuto infinite trasfusioni di "sangue di americano libero", come lo chiama Jack London, nel corso di oltre un secolo. Il suo modello di osservazione, che vale anche per la narrazione, è nello stesso tempo dentro e fuori. Dentro, da protagonista di pericolosi arrembaggi ai treni, di soluzioni giornaliere dovute un po' alla fortuna e un po' alla furbizia, di un'arte della sopravvivenza che si traduce in una sorta di infinita e faticosa resistenza umana. Per gli hobo, il viaggio sui treni è un rischio mortale in ogni singolo momento del giorno. Oltre alla naturale pericolosità di massa per velocità dei vagoni, su cui salire è sempre un tiro di dadi, è la caccia ai liberi viaggiatori da parte dei ferrovieri e della polizia l'elemento di sfida, che non risparmia nessuna violenza. E' anche il "destino manifesto" dell'hobo, l'outsider per eccellenza che si nega all'America costituita, rifiutando l'imposizione delle regole e della morale comune e che non nasconde i suoi tratti polemici. In questo c'è una consapevolezza che distingue un hobo da un qualsiasi vagabondo, anche se la distinzione può sembrare aleatoria. Un hobo come Jack London riesce ad attivare anche uno sguardo da fuori, sapendo che "la strada è una delle valvole di sicurezza attraverso la quale si espelle lo scarto dell'organismo sociale". La definizione non è l'unica utile e pertinente perché l'opposizione (risoluta e polemica) di Jack London alle fratture umane e sociali provocate dalla crescente industrializzazione (e militarizzazione) dell'America è continua, costante e valorizzata da una scrittura precisa e fluente, che non ha bisogno di altre presentazioni. La bellezza della lotta, che è poi quella della strada e della scrittura, sta infine nell'esortazione, quanto mai attuale nonostante siano passati cento anni, di John Steinbeck che dice, quasi formulando un veloce saluto "on the road": "Dunque stiamo allegri e cerchiamo di essere onesti". Con una bella copertina, la nuova edizione aggiunge ai "diari di un vagabondo" altri quattro inediti (tra saggi e racconti) che rendono omaggio all'importanza di un libro fondamentale nell'aver creato, attraverso la strada e senza tante metafore inutili, un sinonimo di libertà.

Marco Denti  (06-03-2010)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.94 (54 voti)
 

Dello stesso autore
Il viaggiatore delle stelle (London)
Le mille e una morte
Rivoluzione
La peste scarlatta
La classica faccia da pugile

Altri libri per parola chiave
Delitti in treno
Emigranti Esprèss
In treno
L'espresso per Blackpool
Patagonia ciuf ciuf
Sono allergico alle mele al polline ai fagioli e a te
Treni di carta- L'immaginario in ferrovia: l'irruzione del treno nella letteratura moderna
Trenità

Articoli
Quattro chiacchiere con Giuseppe Antonelli
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom