?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
L'arte della scrittura
My First Book: "Treaure Island"/The Morality of the Profession of Letters/Books Which Have Influenced Me/A Note on Realism/On Some Techical Elements of Style in Literature.
Robert Louis Stevenson 
blank
Antologia, Inghilterra 2009
124 pp.
Prezzo di copertina € 10
Curatore: Francesca Frigerio
Postfazione: Clotilde De Stasio
Traduzione: Francesca Frigerio
Editore: Mattioli 1885 , 2010
ISBN 9788862610940


Mattioli 1885

Raccolti in un agile volume cinque saggi che Robert Louis Stevenson dedica alla scrittura (e alla lettura) diventano un manuale per comprendere quell'arte "ben strana", come diceva lo stesso Stevenson, che è la letteratura.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

L'arte della scrittura: L'isola della letteratura, un'arte secondo Stevenson

Delle opere d'arte, però, si può dire poco a parole: la loro influenza è profonda e silenziosa, come quella della natura; ci modellano con un semplice tocco, ci abbeveriamo ad esse come a una fonte e ne veniamo ristorati, senza capire come.

Qualsiasi libro che vi dice cosa dovete fare o cosa non dovete fare con la scrittura va usato per quello che è, ovvero carta sprecata. La scrittura è un'arte talmente libera, personale e complessa che ognuno deve goderne e/o soffrirne a seconda delle proprie inclinazioni e seguendo la propria identità. Certo, la formazione dipende da mille variabili, non ultima quella dell'altra metà della scrittura, la lettura, a cui questi cinque saggi, ben raccolti da Francesca Frigerio e con un'utilissima postfazione di Clotilde De Stasio, ritornano con frequenza regolare. "Il dono della lettura", come l'ha chiama Stevenson, "non è cosa comune né viene sempre compreso nel modo giusto. Consiste, in primo luogo, in un grandissimo attributo dell'intelletto, una sorta di grazia libera, lo definerei, grazie alla quale un uomo si rende conto di non aver mai ragione fino in fondo e che le persone le cui opinioni differiscono dalle sue non hanno mai del tutto torto". E' su questa granitica base, la lettura prima di tutto, che un grande narratore come Stevenson dissemina poi con generosità dozzine di suggerimenti, di idee, di proposte, forse persino di regole su come affrontare la scrittura. Una vera e propria panoplia che comprende l'essenza della trama ("L'intreccio, dunque, o disegno d'insieme: un intreccio che sia al tempo stesso d'immediata percezione e di grande rigore logico, un tessuto elegante e ricco di significato: questo è lo stile, questo è il fondamento dell'arte letteraria"), dell'ambientazione ("L'autore deve conoscere il suo paese, reale o immaginario che sia, come il palmo della sua mano, le distanze, i punti della bussola, dove sorge il sole, le fasi della luna, tutto dev'essere preciso fino al dettaglio più minuto"), del ritmo ("In letteratura, ogni frase è costruita con i suoni, così come, in musica, ogni frase consiste di note. Un suono suggerisce l'altro, lo riecheggia, lo evoca, si armonizza con lui e l'abilità di usare correttamente queste concordanze fonetiche è la vera abilità di chi fa letteratura") e della precisione ("Esiste un unico modo per narrare qualcosa, qualsiasi cosa, con abilità, ed esso consiste nell'essere precisi"). La bellezza di questa raccolta di saggi è che le lezioni di Stevenson possono essere interpretate come attrezzi per consolidare l'arte della lettura, usandole come una mappa per orientarci tra temi incompiuti e verità dette in modo non pertinente, tra voci afone e pagine imperfette, in cerca di quella sintesi che fa uno stile. Serve e parecchio, soprattutto quando si parla di letteratura perché come scrive Stevenson in una breve e limpida apologia della lettura, "i libri che esercitano l'influenza più grande, e più vera, sono quelli di narrativa. Non vincolano il lettore a un dogma, che in seguito potrebbe rivelarsi inaccurato né pretendono di impartirgli una lezione, della quale poi bisogna dimenticarsi. Essi non fanno che ripetere, riformulare, chiarire le lezioni della vita; ci svincolano dalla compagnia esclusiva del nostro io, ci obbligano a far conoscenza con altre persone e ci mostrano, non nel modo in cui potremmo vederla da soli, ma con un notevole slittamento di prospettiva, un'intera rete di esperienze, e quell'ego mostruoso, divorante, che è il nostro essere, viene, per una volta, messo in disparte". Indiscutibile. Diffidate dai manuali per aspiranti scrittori. Quello che c'è da sapere, sulla lettura e sulla scrittura, è tutto qui.

Marco Denti  (06-03-2010)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.88 (81 voti)
 

Dello stesso autore
Con due libri nella tasca

Altri libri per parola chiave
Alfabeti
Autoritratto di un reporter
Cinquant'anni di false partenze ovvero l'apprendista scrittore
Come si scrive un racconto
Con due libri nella tasca
Festa mobile
Firmino
Gli inquilini
Gli scrittori inutili
I dieci comandamenti di uno scrittore - Verità e menzogne in letteratura
Il mestiere di scrivere
L'ultimo lettore
L'unico scrittore buono è quello morto
Le trame della scrittura
Lo zen e l'arte della scrittura
Mister Pip
Nel territorio del diavolo. Sul mistero di scrivere
On Writing - Autobiografia di un mestiere
Scrivere ed essere
Scrivere pericolosamente
Sette note sulla lettura
Una tortura deliziosa. Pagine sull'arte dello scrivere
Una vita da lettore
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom