?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Gilead
Gilead
Marilynne Robinson 
blank
Romanzo, Stati Uniti 2004
260 pp.
Prezzo di copertina € 17,50
Traduzione: Eva Kampmann
Editore: Einaudi , 2008
ISBN 9788806179991


Einaudi

Con la morte che lo richiama all'appuntamento, John Ames, il terzo di una saga che attraversa la storia d'America, scrive al figlio di sette anni una sorta di testamento epistolare. Essendo un pastore, la sterminata lettera si avvita attorno a confessioni, sermoni, preghiere e riflessioni.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Gilead: Domenica sera pensando a domani

Sotto la superficie della vita si cela una gran quantità di cose, questo lo sanno tutti. Tanta cattiveria, paura e colpa, e tanta di quella solitudine, anche dove meno ti aspetteresti di trovarla.

La lunga ballata di John Ames è un intenso sguardo al crepuscolo della vita, quando la soluzione finale è ormai alle porte. A settantasei anni, John Ames sa cosa dovrà affrontare: avendo predicato e celebrato per tutto il corso della sua esistenza i misteri gaudiosi e dolorosi della vita e della morte, ne conosce la forma, l'evoluzione, i risvolti. Sa anche che non c'è modo di spiegarne l'intima sostanza e se ne accorge quando sente che sta per arrivare il suo momento: "Saprò tutto quel che c'è da sapere sulla morte, o quasi, ma con ogni probabilità me lo terrò per me. Così stanno le cose, a quanto pare". L'affermazione non è ovvia come potrebbe sembrare a una lettura superficiale: nel suo recinto di parole c'è tutto il rapporto con la fede e l'impossibilità di John Ames di testimoniarla ancora, una volta chiusa la pratica terrena. E' qui che, dopo averla praticata tutta la vita, ritrova il coraggio della parola per ripristinare un ordine, per trovare il modo di lasciare al figlio una mappa, un lascito, un suo ritratto. L'impegno di John Ames è tale che risalendo l'albero genealogico della sua famiglia ricostruisce anche alcuni passaggi vitali dei due secoli di esistenza degli Stati Uniti d'America, e per quanto sia sorretto dalla fede e dall'amore per la sua famiglia, non si lascia mancare i dubbi perché "La nostra vita di sogno finirà come finiscono i sogni, in modo brusco e totale, quando sorge il sole, quando arriva la luce. E penseremo: tanta paura e tanta sofferenza per niente. Ma non può essere vero". La voce di Marilynne Robinson è forte e sicura e quello che nella sostanza è un lungo monologo, si svela come un romanzo molto coraggioso nella sua particolare forma (appunto) ma anche nell'insistere su temi maiuscoli: la vita, la morte, la fede, i legami, la memoria, la conoscenza, la speranza. E' una sfida che chiede molto al lettore, ma all'interno di un rapporto biunivoco perché Marilynne Robinson ha un'eleganza, quasi un tocco di leggerezza, nel sapere interpretare fino in fondo la voce di John Ames e, nei suoi momenti migliori, sa essere nello stesso tempo semplice e lirica. Persino con un tocco di genialità quando deve spiegare il tono crepuscolare, l'atmosfera in cui è immerso John Ames e il suo delicatissimo testamento: "Di quanto in quando mi piace molto la tranquillità di una domenica qualunque. E' come stare in un giardino appena seminato dopo una pioggia tiepida. Si riesce a sentire la vita silenziosa e invisibile. L'unica cosa che ti chiede è di fare attenzione a non calpestarlo". Da leggere e da rileggere, ma solo dal tramonto in poi.

Marco Denti  (23-11-2009)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 3.41 (17 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom