?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
La gioia piccola d'esser quasi salvi
La gioia piccola d'esser quasi salvi
Chiara Valerio 
blank
Romanzo, Italia 2009
255 pp.
Prezzo di copertina € 16
Editore: Nottetempo , 2009
ISBN 9788874522064


Nottetempo

La nipote Giulia ritorna da Agata la nonna materna ammalata, che l'ha cresciuta dopo il suicido della madre. Giulia ed Agata ricordano quegli anni difficili, ma il presente bussa alla porta, Agata assume Marina come badante e Giulia si innamora di Leni, la dirimpettaia, una prostituta polacca.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

La gioia piccola d'esser quasi salvi: Breve ritorno di una nipote

Giulia aveva pensato che la mamma, nello sparo della caduta, si era chiesta Prendo la scarpa o chiudo gli occhi. E aveva scelto la scarpa perché era una promessa.

C'è sempre nella vita di ciascuno di noi un fatto imprescindibile, dal quale non possiamo separaci, è parte di noi, è la nostra pelle; quel fatto ha segnato il Prima e il Dopo in ciascuno di noi.
Quel fatto per Giulia è stato "lo sparo nella caduta", il suicido della madre, lo stesso per l'amico Marco che ha visto tutto dal balcone di casa, e per Agata la nonna di Giulia e madre della suicida. Orfana di madre, abbandonata dal padre Giulia vivrà con Agata che inizierà a lavorare in casa per stare più tempo vicino a lei e il dirimpettaio Marco diventerà il suo compagno inseparabile sia da piccola che da grande. Per tutti e tre quel fatto, quello "sparo nella caduta", ha generato e in parte condizionato il Dopo, il futuro, ed ha spinto a reinterpretare il Prima, il passato; e l'autrice del libro alterna bene i tempi, il Prima e il Dopo della vita dei personaggi seguendo lo spirito dell'anziana Agata, le fughe e i desideri di Giulia e i ripensamenti di Marco.
"La sardina è piccola, la balena è grande, la trota è media." Questo divertente gioco di parole, tratto dal libro, ci dice gia qualcosa sull'abilità linguistica dell'autrice che ritaglia sui personaggi diverse cifre di scrittura. Incontriamo sulle pagine l'italiano scarnificato dalla grammatica delle due donne straniere, lo sguardo espressivo di Agata che non ricorda bene le sue amate parole o le pronuncia con difficoltà, il linguaggio dei corpi da bambini di Giulia e di Marco fatto di corse, di appostamenti, di strane contorsioni e quello da adulti permeato di desiderio.
La gioia piccola d'esser quasi salvi è un libro dolce ed amaro, che però ci lascia la possibilità di pensarci "quasi salvi".


Claudia Savarese  (08-11-2009)

Leggi tutte le recensioni di Claudia Savarese


Vota il libro!
La media è 2.76 (116 voti)
 

Dello stesso autore
Nessuna scuola mi consola

Articoli
lettera.com intervista Chiara Valerio
lettera.com intervista Chiara Valerio (2)
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom