?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Punk capitalismo. Come e perché la pirateria crea innovazione
The Pirate's Dilemma. How Youth Culture Is Reinventing Capitalism
Matt Mason 
blank
Saggio, Stati Uniti 2008
300 pp.
Prezzo di copertina € 18
Traduzione: Adele Olivieri
Editore: Feltrinelli , 2009
ISBN 9788807171819


Feltrinelli

Dalle spille sui vestiti ai graffiti nella metropolitana, dal dub all'hip-hop, dal software al download, dal DIY a YouTube, dai videoclip ai videogame una storia della pirateria raccontata come una forza innovatrice non soltanto per le nuove prospettive estetiche e artistiche, ma soprattutto dal punto di vista economico.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Punk capitalismo: In rotta nel mare delle idee con Matt Mason

Il segreto è restare inclassificabile, così non appartieni a nessuno.

Forse passare una mano di vernice sulla gondola del motore dell'Air Force One, l'aereo presidenziale americano, non è un gesto rivoluzionario, ma può servire. Ammesso che si riesca: per qualche tempo un filmato che mostrava un sedicente nucleo di writers compiere il temerario gesto ha creato scompiglio tra le forze armate americane, fino a quando non è stato svelato che era tutto finto, a partire dall'Air Force One. Era tutta pubblicità, più che terrorismo, e allora, partendo da una delle tante storie raccontate da Matt Mason, è facile domandarsi chi siano davvero i pirati. La risposta al "dilemma" (come era nel titolo originale) parte da lontano, dal rock'n'roll ancora prima che dal punk. Scrive Matt Mason: "Nel rock'n'roll il look è sempre stato importante. Il look ha sempre detto qualcosa, e di solito quel qualcosa era il rifiuto delle convenzioni e dell'orario lavorativo, e di tutte le forme di controllo; si poteva usare il proprio aspetto in maniera molto elaborata per comunicare un sacco di cose". L'invenzione del rock'n'roll e, in contemporanea, l'invenzione della gioventù (non solo come segmento anagrafico, ma proprio come realtà sociale) sono stati il mare ideale per l'emergere dei nuovi pirati. Non che nel passato fossero mancati perché gli irriverenti, gli eccentrici, i folli e i visionari sono sempre esistiti, ma il rock'n'roll e la sua diretta estrapolazione chiamata punk hanno fornito, attraverso la materia prima di un linguaggio musicale semplice e universale, la forma migliore per rispondere e intervenire perché "Punk significava non stare al gioco, non credere a tutto quello che si dice in tv o sui giornali, e penso che questo spirito sia sopravvissuto, perché la gente si informa su internet e non crede a quello che vede sui principali network. Non so se si possa parlare di anarchia, ma sicuramente significa pensare di testa propria". Il "do it yourself", il fai da te del punk con in tutte le sue implicazioni (filosofiche, politiche, sociologiche) si è rivelato applicabile ad una vasta gamma di campi d'interesse (dalla moda all'informatica) e si è sempre (o quasi sempre) risolto con un'incisiva trasformazione economica. Da cui, infine, il senso del titolo perché il "punk capitalismo" o la pirateria "è una costante della storia umana, e bisognerebbe incoraggiarla. E' la maniera in cui vengono rimpiazzati i sistemi inefficienti". Questo è il nucleo più solido del libro di Matt Mason, che poi con un'attitudine quasi da storyteller si concede il vezzo di raccontare un "case history" dopo l'altro, non senza frequenti parentesi ironiche e divertenti, perché sarà anche "capitalismo" ma si tratta pur sempre di "punk". Passa in rassegna oltre mezzo secolo di pruriti giovanili, allineando pirati dell'etere e dj di strada, hacker e programmatori in acido (e indovinate un po' da che parte stava Bill Gates), taggers e bloggers e la sua storia della pirateria si rivela affascinante e concreta, anche quando tenta una coraggiosa previsione del futuro e dice: "La guerra alla pirateria continuerà a trascinarsi per anni, come molte guerre combattute dalla società borghese contro altre parole. Ma è una guerra che sarà difficile vincere, non soltanto perché combattere contro le parole è ridicolo, ma anche perché la storia dimostra, in continuazione, che la società ha tutto da guadagnare dall'azione dei pirati". Alla fine, non è scritto, ma si ha l'impressione i pirati, per quanto fuori dal controllo, siano destinati a diventare più dei corsari e questa distinzione (storica) è forse il senso ultimo del "punk capitalismo" di Matt Mason. Un libro ben organizzato e molto utile.

Marco Denti  (16-10-2009)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 3.0 (109 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Blitzkrieg Punk
Dimmi la verità
Electric Ladyland. Jimi Hendrix
Firmato Lester Bangs
Groupie
Guida ragionevole al frastuono più atroce
I giorni del caos
Inghilterra. History and Rock
Jim Carroll
La mia banda suona il (punk) rock
Post-punk 1978-1984
Rock'n'Roll
Rock, Pop, Jazz & Altro - Scritti sulla musica
Tarantula
The Clash
The Filth And The Fury
Tutti i musicisti devono morire - Storie di sesso, droga e rock'n'roll
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom