?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Gli inquilini
The tenants
Bernard Malamud 
blank
Romanzo, Stati Uniti 1971
199 pp.
Prezzo di copertina € 10
Editore: Minimum Fax , 2008
ISBN 978-88-7521-165-3


Minimum Fax

Due scrittori - uno ebreo e l'altro nero - e un palazzo fatiscente a New York. Un romanzo sulla fatica di essere scrittori, sull'impossibilità di esprimersi e sui conflitti razziali.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Gli inquilini: Conflitti razziali e incapacità di scrivere in un palazzo in via di demolizione

"Volevo sapere, tanto per curiosità, se scriveva della narrativa o qualcosa d'altro"
"Può darsi che sia narrativa, ma ciò non toglie che sia reale"


Invano il padrone di casa implora Harry Lesser di andarsene e lasciargli demolire il palazzo: lo scrittore deve finire il suo romanzo e lo deve finire lì, nel luogo in cui lo ha concepito. Peccato che sono dieci anni che lo scrive senza riuscire a porre la parola fine all'opera. La vita di Lesser trascorre senza nulla che non sia scrittura: il suo è un libro sull'amore, ma non c'è amore nella sua vita, né amicizie, né null'altro.
Poi, un giorno, scopre un altro inquilino nel palazzo abbandonato e pieno di fantasmi e macerie: Willie, un nero, uno scrittore armato di pesante macchina da scrivere.
Qualcosa unisce i due: la tensione verso la scrittura e il domicilio - abusivo o meno - nel tetro e gelido edificio. Pare nascere un'amicizia, i due si scambiano consigli e opinioni. Ma molte cose li dividono: in primo luogo la razza, poi l'approccio alla scrittura. Harry è bianco ed ebreo, Willie è nero, fortemente politicizzato, pieno di rabbia e intenzionato a esprimere nel libro tutta la potenza della sua negritudine. Presto un altro fattore interverrà a unirli e allo stesso tempo dividerli: Irene, bianca, fragile attrice off Broadway e soprattutto amante di entrambi.
Scrive Hemon che questo "E' un libro sull'impossibilità di scrivere in un mondo che sta per essere demolito" e in effetti Gli inquilini è esattamente questo. Intorno ai due scrittori c'è un mondo vago, una New York gelida, conflitti razziali, povertà, un po' di sesso per scaldare la notte. Ma quello che conta davvero, per entrambi i protagonisti, è il loro libro: il terzo per Harry, dopo un successo e un fallimento, il primo per Willie, uomo del ghetto. Un libro sull'amore e uno sull'essere neri. Forma contro sostanza. Non potrà finire bene.


Paola Sereno  (10-12-2008)

Leggi tutte le recensioni di Paola Sereno


Vota il libro!
La media è 3.27 (22 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Autoritratto di un reporter
Cinquant'anni di false partenze ovvero l'apprendista scrittore
Come si scrive un racconto
Con due libri nella tasca
Festa mobile
Gli scrittori inutili
I dieci comandamenti di uno scrittore - Verità e menzogne in letteratura
Il mestiere di scrivere
L'arte della scrittura
L'unico scrittore buono è quello morto
Le trame della scrittura
Lo zen e l'arte della scrittura
Nel territorio del diavolo. Sul mistero di scrivere
On Writing - Autobiografia di un mestiere
Scrivere ed essere
Scrivere pericolosamente
Sette note sulla lettura
Una tortura deliziosa. Pagine sull'arte dello scrivere
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom