?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Ricordando l'apocalisse
Armageddon In Retrospect
Kurt Vonnegut 
blank
Racconti, Stati Uniti 2008
185 pp.
Prezzo di copertina € 16
Prefazione: Mark Vonnegut
Traduzione: Vincenzo Mantovani
Editore: Feltrinelli , 2008
ISBN 9788807017650


Feltrinelli

Tra l'ultimo discorso tenuto nella sua città natale, Indianapolis, e il ricordo dei bombardamenti di Dresda e della prigionia durante il secondo conflitto mondiale, una raccolta di racconti e visioni dedicati all'apocalisse, tutta umana, troppo umana, della guerra e dei suoi derivati.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Ricordando l'apocalisse: Dead City, la guerra secondo Kurt Vonnegut

E in effetti qual è il dono dell'America al resto del mondo più apprezzato nel resto del mondo? E' il jazz afroamericano e le sue diramazioni. Qual è la mia definizione del jazz? Sesso sicuro della migliore qualità.

Al primo impatto, e la prefazione di Mark Vonnegut non aiuta a fugare il dubbi, sembra il "solito" libro postumo, un lavoro di bricolage che mette insieme frammenti di discorsi, racconti, tagli, ritagli e frattaglie di varia provenienza per farne un ricordo più o meno solido. Ma Kurt Vonnegut non è stato uno scrittore di passaggio e oltre ad un congedo già memorabile di suo ("E grazie per l'attenzione. Io vado") lascia trovare nel suo cassetto un pugno di racconti che ruotano attorno al bombardamento a tappeto di Dresda e alla sua prigionia: l'assemblaggio con altri scritti e parlati sembrerà posticcio, ma a tutti gli effetti produce un'efficace coda a Mattatoio n. 5, il suo capolavoro. L'intento non è dichiaratamente pacifista perché sono note le anarcoidi posizioni di Kurt Vonnegut e il suo lucido disincanto ("Come se ci fossimo presi a torte in faccia" ha detto del movimento di protesta contro la guerra del Vietnam) ma alcuni passaggi di questi inediti hanno una forza tale da alimentare un qualche focolaio di disgusto. Corsi e ricorsi storici sui modelli esportati dall'America sui propri aerei valgono fino ad un certo punto perché i collegamenti tra un secolo e l'altro non sempre funzionano con coerenza (o come dice Kurt Vonnegut: "Trovarsi nel raggio di quella macchina del tempo era un misto di queste tre cose: avere l'influenza, portare occhiali bifocali fatti per qualcun altro che non ci vedeva bene ed essere dentro una chitarra. Finché non la miglioreranno, non sarà mai né sicura né popolare"), anche se orrori e disastri si ripetono con una puntualità tanto idiota quanto malefica. La forza della testimonianza di Kurt Vonnegut va cercata altrove, però: nella sua attenzione maniacale nello schivare i luoghi comuni, le frasi fatte, le prese di posizione preconfezionate. Anche sull'essenza strategica e politica del bombardamento di Dresda (uno degli episodi più atroci della seconda guerra mondiale) il modello scelto da Kurt Vonnegut è quello di un taglio in profondità, molto acuto e denso. La scelta è chiarissima, la critica è esplicita, ma quello che fa testo, nel vero senso dell'espressione, è il meticoloso lavoro di Kurt Vonnegut nel raccontare la città incendiata, disintegrata e impolverita, come se stesse scavando con le sue mani tra le macerie e tra i corpi carbonizzati per trovare le parole adatte. Questo è il lavoro di un grande scrittore che, tra un addio e l'altro, non ha mai smesso di schivare la morte e la vita con quell'ironia brulicante d'intelligenza che l'ha sempre distinto. Permettendosi anche di violentare la banalità del suggerimento ai neofiti, così fosse soltanto per puro divertimento: "Il mio consiglio agli scrittori esordienti? Non usate il punto e virgola! E' un ermafrodita e non rappresenta un bel nulla. L'unica cosa che suggerisce è che forse hai fatto l'università". Sistematelo accanto a Mattatoio n. 5, rileggetelo spesso.

Marco Denti  (21-10-2008)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 3.18 (38 voti)
 

Dello stesso autore
Ghiaccio nove
Mattatoio n. 5
Destini peggiori della morte - Un collage autobiografico
Un pezzo da galera
Un uomo senza patria

Altri libri per parola chiave
Apocalisse criminale
Apocalisse da camera
Apocalisse gioiosa
Blues alla fine del mondo
Buona Apocalisse a tutti!
Diario dall'Apocalisse - dietro le quinte del capolavoro di Francis Ford Coppola
Il pianeta malato
L'apocalisse rimandata
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom