?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Echi Perduti
Lost Echoes
Joe R. Lansdale 
blank
Romanzo, Stati Uniti 2005
380 pp.
Prezzo di copertina € 8,90
Traduzione: Sebastiano Pezzani
Editore: Fanucci , 2007
ISBN 9788834713006


Fanucci

Harry ha uno di quei doni che piacciono, e molto, a Stephen King, riesce a vedere attraverso i suoni e rimane invischiato in visioni di eventi tragici e violenti, legati ad omicidi, che lo provano fino a farlo svenire. Per un lungo periodo della sua giovane vita, questi costituiscono un grave problema, e lo portano ai limiti della follia, ma poi si accorge che quelle stesse visioni possono portare ad uno scampolo di giustizia.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Echi Perduti: Suspicious Mind, suoni e visioni secondo Joe R. Lansdale

La paura era sempre un bel sistema per vendere qualcosa. Assicurazione. Politica. Guerra. E bibbie in edizione di lusso.

Harry vede fantasmi, vede un passato che tutti conoscono, ma che hanno dimenticato perché "i ricordi possono essere intrappolati ovunque" e perché la bestia come la chiama Johnny Cash che canta The Beast In Me è un bel problema perché come si dice lui stesso, "appartiene ad altri. E' quella la fregatura. Non è nemmeno la mia bestia". Ancora di più se si pensa che le visioni di violenze efferate e lasciate senza giustizia vengono generate da suoni che emergono da rumore di fondo e che toccano qualche misterioso punto di equilibrio accanto alle orecchie di Harry. Incapace di gestire gli echi, fino a credersi pazzo, riuscirà a trovare il modo (di occasioni non gliene mancano) per trasformare un handicap in una risorsa. La chiave di volta, come non di rado succede nella narrativa di Joe R. Lansdale, è in un outsider, Tad, un loser del tutto particolare che, tra arti marziali, zen e spicciola filosofia di vita, insegnerà a Harry a convivere con la sua ingombrante facoltà. Senza grandi trucchi e spiegandogli soltanto che "le persone non fanno altro che spostarsi alla ricerca del proprio equilibrio. Lo facciamo tutti. Un po' alla volta. Sei fermo in un punto, ti stanchi e devi spostarti e questo perché devi rinegoziare il tuo punto di equilibrio. La stessa cosa vale nella vita. La felicità è una costante negoziazione del proprio equilibrio". Campione ideale che potrebbe servire da saggio per scoprire la narrativa di Joe R. Lansdale, Echi perduti scorre come una lunga ballata e se anche lo showdown del finale è prevedibile, come in altri suoi romanzi, nulla toglie che nei suoni e nelle visioni di Harry si possa leggere qualche metafora edificante sul rumore che ci circonda e sulla memoria che ne è intaccata lasciandoci con un senso di vuoto perché come dice lo stesso protagonista "Elvis, amici miei, se n'è andato e non c'è davvero altro" e chissà cosa gli avrebbero evocato i suoni dentro Graceland. Da leggere senza esitazione e senza sbagliare colonna sonora (le indicazioni sono piuttosto precise, in fondo).

Marco Denti  (22-09-2008)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.71 (39 voti)
 

Dello stesso autore
La sottile linea scura
Bubba Ho-Tep
La notte del drive-in
Jonah Hex - Two gun mojo
Freddo a luglio
In fondo alla palude
L'anno dell'uragano
Atto d'amore
Bad Chili
Rumble Tumble
Il mambo degli orsi
Dead in the West
Fiamma fredda
Tramonto e polvere
Mucho mojo
Il lato oscuro dell'anima
In un tempo freddo e oscuro
Il valzer dell'orrore

Articoli
Intervista a Joe Lansdale (2)
Intervista a Joe Lansdale
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom