?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Il suo vero nome
The Point. Stories
Charles D'Ambrosio 
blank
Racconti, Stati Uniti 1995
250 pp.
Prezzo di copertina € 14
Traduzione: Martina Testa
Editore: Minimum Fax , 2008
ISBN 978-88-7521-141-7


Minimum Fax

"Sette lunghi racconti sul dolore e la speranza, lo smarrimento e la scoperta di sé, popolati di bambini troppo saggi e adulti allo sbando, morti ingiuste e attimi di redenzione. Ogni pagina ha il dono della grazia, ed è impossibile non restarne incantati" (dalla Scheda dell'editore).

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Il suo vero nome: Taglienti, disperati e molto americani. I racconti di Charles d'Ambrosio

Abbandonai i semi spaccati e la polpa galleggiante del mio primo drink e cominciai il secondo. Lo alzai verso la luce e in quel momento il gin appena versato sembrava la cosa più trasparente che avessi visto in vita mia. "Miles diceva che certi torrenti erano limpidi come gin" dissi "li descriveva così".

Storie da un'America disperata, un universo in cui le cose più terribili accadono in modo apparentemente normale. Il libro si apre e si chiude con ritratti famigliari distorti, figli ben più saggi dei genitori e già quieti e rassegnati di fronte a padri e madri che cercano nella meravigliosa trasparenza del gin l'unica felicità possibile. E' così nel racconto che apre la raccolta e che dà il nome al libro nella versione originale: The Point, in cui un ragazzino di tredici anni ha il compito di riaccompagnare a casa gli amici della madre, disperatamente ubriachi e inclini a sfogare sul ragazzo le loro sventure. Ma anche l'ultimo racconto, in un cerchio perfetto, riprende i temi del difficile rapporto tra genitori e figli: ormai adulto, il protagonista incontra il padre alcolizzato e il fratello impazzito, mentre l'altro fratello si è sparato in bocca ancora adolescente. Proprio un bel quadretto famigliare. Ma nei racconti che compongono Il suo vero nome non c'è posto solo per famiglie disgregate: anche per giovani coppie senza speranza, bambine che muoiono annegate in un abbeveratoio, e un vasto campionario di tragedie assortite. Tragedie quotidiane in vite senza aneliti di speranza, tragedie alle quali non spetta nemmeno più lo status dell'eccezionalità. Le storie di Charles d'Ambrosio hanno il ritmo della vita: frammentario, mai univoco, spesso senza una conclusione risolutiva, una soluzione o una rivelazione che illumini di senso il percorso. Nascite, morti, matrimoni, e il passaggio dall'infanzia all'adolescenza. Vicende quotidiane, che hanno il dolore come unica costante. Un dolore sordo, attutito, accettato come normale e raccontato in tono asciutto. Come nella miglior tradizione delle short stories americane, che ancora una volta arrivano in Italia grazie alla casa editrice Minimum Fax.

Paola Sereno  (24-06-2008)

Leggi tutte le recensioni di Paola Sereno


Vota il libro!
La media è 2.95 (43 voti)
 

Dello stesso autore
Il museo dei pesci morti
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom