?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Firmino
Firmin. Adventures of a Metropolitan Lowlife
Sam Savage 
blank
Romanzo, Stati Uniti 2006
180 pp.
Prezzo di copertina € 14
Traduzione: Evelina Santangelo
Editore: Einaudi , 2008
ISBN 9788806192587


Einaudi

Firmino è il nome di un topolino nato nella soffitta di una libreria di Boston, negli anni Sessanta. E' il tredicesimo cucciolo della nidiata, ma la sua mamma -alcolizzata e un po' balorda- ha solo 12 mammelle. Firmino rimane l'unico escluso dal nutrimento, e, scoraggiato, deve inventarsi qualcosa per sopravvivere. Comincia così ad assaggiare i libri appoggiati sulle mensole del negozio, e un po' alla volta scopre che i racconti più belli sono quelli più buoni da mangiare. Diventa così un vorace lettore, identificandosi con i grandi eroi della letteratura di ogni tempo. Firmino però, crescendo, assiste alla distruzione della sua libreria ad opera delle ruspe per l'attuazione del nuovo piano edilizio della città di Boston.

naldina naldina naldina naldina naldina

Firmino: Amico fragile

Ridete. Fate bene a ridere. Un tempo fui -malgrado il mio aspetto sgradevole- un inguaribile romantico, la più assurda e ridicola delle creature. Riuscii a conversare con tutti i Grandi. Dostoevskij e Strindberg, per esempio. Subito riconobbi in loro dei compagni di strada afflitti, isterici come me. E da loro appresi un insegnamento prezioso: per quanto piccolo ed insignificante tu possa essere, nulla vieta che la tua follia sia tra le più grandi.

Se non avete paura di provare di nuovo la meraviglia della vostra infanzia, se avete voglia di commuovervi alle lacrime per una storia semplice, se sentite ancora il bisogno della fantasia, dell'immaginazione e di una poesia che parla un linguaggio semplice, Firmino è il libro che fa per voi. Tenero senza essere sdolcinato, appassionante senza cadute di stile e tempi morti, questo romanzo cattura dopo poche pagine con una storia minutamente dosata e calcolata nel dettaglio, ma fluida e naturale, quasi come se alla penna esperta di un maestro di scrittura si accompagnasse, mano nella mano, la purezza dei pensieri di un bambino.
Il romanzo tratta di temi che volano alto rispetto al loro significato letterale: la fiducia nell'altro, la solitudine, l'amicizia, la difficoltà dell'ascolto. Il topolino protagonista del romanzo non ha assolutamente il carattere fumettistico di Mickey Mouse (l'archetipo, inevitabile), è semmai molto più simile al Remy di Ratatouille, con cui ha in comune un altalenante rapporto con gli esseri umani, un'irresistibile sensibilità, un bisogno di esprimersi, come può.
Pagina dopo pagina cresce una scrittura che si fa magia. Fino al finale, degno del miglior Fellini: impossibile non restarne affascinati, perdutamente. E altrettanto impossibile peraltro raccontare un qualsiasi dettaglio di questa storia senza rovinare la sorpresa. Però la storia di un topolino che impara a conoscere il mondo leggendo libri, che prova a comunicare suonando un pianoforte giocattolo, che sentendosi diverso da tutti gli altri topi prova a progettare il proprio spazio alternativo, genera riflessioni davvero troppo individuali e universali allo stesso tempo da poter essere limitate nelle righe di una scheda di recensione. L'unico collegamento che ha senso fare qui è quello con Fabrizio de Andrè, con i suoi occhi e le sue parole, che qui compaiono spesso, e ridondanti, quasi per un'incredibile e fatale coincidenza. Quanta nostalgia. Firmino è un piccolo miracolo, la prova che si può scrivere di temi importanti in modo semplice, che si può emozionare con la sola forza dell'immaginazione.
Il libro migliore di quest'anno. Firmino si farà trovare venendovi incontro, a modo suo. Voi non abbiate paura, e ditegli di sì.


Alberto Campagnolo  (13-06-2008)

Leggi tutte le recensioni di Alberto Campagnolo


Vota il libro!
La media è 3.0 (26 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Alfabeti
Con due libri nella tasca
L'arte della scrittura
L'ultimo lettore
Mister Pip
Ratti rossi
Ratti. Un anno con gli abitanti più indesiderati di New York
Sette note sulla lettura
Una vita da lettore
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom