?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Ryanair
Ryanair. The full story of the controversial low-cost airline.
Siobhàn Creaton 
blank
Saggio, Irlanda 2007
296 pp.
Prezzo di copertina € 19
Traduzione: Ulisse Mangialaio
Editore: EGEA , 2008
ISBN 9788823831810


EGEA

Ryanair è una di quelle aziende simbolo, al pari di Google e Walmart, che incarnano il capitalismo di inizio XXI secolo e la sua propensione alla continua discesa dei prezzi fino a rasentare la gratuità per tutti. Questo libro, bestseller in Irlanda e Regno Unito, racconta luci ed ombre dell'irresistibile ascesa di Ryanair e di Michael O'Leary, il manager che ha portato la compagnia al successo, famoso per la brutale franchezza così come per le bizzarre trovate pubblicitarie a costo zero.

naldina naldina naldina naldina naldinagrigio

Ryanair: Low cost, no frills

Era il febbraio del 2004 e Michael O'Leary aveva ricominciato a sbraitare.

A molti di noi resta tuttora un mistero come sia possibile, da una decina d'anni, volare per destinazioni europee a prezzi impensabili fino a poco tempo prima. Questo saggio cerca di far luce, con uno stile accattivante, puntuto ma mai eccessivamente caustico, sulla parabola ascendente della compagnia europea low-cost più famosa, Ryanair, soprattutto focalizzando l'attenzione sulla figura del suo amministratore delegato Michael O'Leary. Il libro è certamente molto ben documentato e senza sbavature nei commenti. A metà tra un'inchiesta "stile Report" e una case history di un corso universitario in marketing strategico, questa indagine rappresenta con efficacia l'introspezione sul tema delle strategie d'impresa nell'ambito della mobilità, accantonando facili polemiche e retoriche tipicamente italiane per strutturare invece una lettura delle dinamiche del mondo del trasporto aeroportuale europeo senza pregiudizi di sorta. Interessanti invece le caratterizzazioni psicologiche dei protagonisti di questa vicenda, certo spregiudicati, ma totalmente distanti dal pittoresco immaginario collettivo che sia in Italia che, ad esempio, negli Stati Uniti, pianifica l'immagine patinata e vincente dei manager aziendali attraverso una corposa campagna mediatica, piena di enfasi e retorica. Ryanair nasce e si sviluppa in Irlanda, partendo non da Dublino ma dalle campagne nel "middle of nothing", in un contesto sociale di forte crisi economica. Tra le righe del testo si narra quindi non solo il destino di una compagnia aerea, ma soprattutto l'evoluzione dell'Irlanda, nazione testarda ed orgogliosa, così come i suoi abitanti; ponendo l'accento sullo sviluppo delle possibilità di business, accompagnato dalla metamorfosi della classe impiegatizia, un tempo costretta all'emigrazione verso la Gran Bretagna per riuscire a garantire un futuro decoroso alle famiglie, e grazie all'avvento dei voli low-cost invece ricompattata attraverso una sorta di pendolarismo da weekend.
Sempre più intricati negli anni invece gli equilibri tra la compagnia aerea, i suoi diretti concorrenti, i sindacati confederati, il governo irlandese e la comunità europea. Attraverso l'analisi di questo palcoscenico delle relazioni l'autrice evidenzia le reali prerogative che hanno consentito l'evoluzione di un modello di business vincente e certamente non ripetibile. Minacce, opportunità, punti di forza e debolezza, direbbe un qualsiasi teorico del marketing: ogni aspetto emerge con chiarezza e costituisce la spina dorsale di una disamina impietosa proprio perché imparziale, e di converso imparziale proprio perché oggettiva nella raccolta di testi, dichiarazioni, atti giudiziari. Le fonti sono tutte analizzate con dovizia di particolari, attraverso un processo di raccolta scrupoloso, a tratti davvero incredibile per contenuti. Forse davvero ogni mondo è paese, ma certi paesi lo sono più di altri.
Al termine della lettura, molto veloce e senza tempi morti, si comprendono luci e ombre sottese al prezzo da pagare per ciascun biglietto aereo. La consapevolezza diventa così, al di là del giudizio individuale che viene lasciato all'intelligenza del lettore, l'obiettivo primario dell'autrice. Contemporaneamente, molti dei misteri del business low cost no frills (letteralmente "basso prezzo senza fronzoli") si chiarificano non senza stupore e amaro in bocca. Qualche refuso purtroppo tra i capitoli, compensato tuttavia da una traduzione accattivante ma... non bigotta (a dispetto di chi pensasse ancora che il lessico dei manager sia solo congiuntivi, figure retoriche e formalità di circostanza).


Alberto Campagnolo  (15-05-2008)

Leggi tutte le recensioni di Alberto Campagnolo


Vota il libro!
La media è 3.25 (16 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom