?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Caro Tonino
Caro Tonino
Manlio Cancogni 
blank
Epistolare, Italia 2006
63 pp.
Prezzo di copertina € 10
Editore: Diabasis , 2006
ISBN 9788881034154


Diabasis

Dopo la tragica alluvione che scosse la Versilia il 19 giugno del 1996, Manlio Cancogni racconta i suoi ricordi e le sue sensazioni in una lettera indirizzata ad Antonio Cederna, il fondatore di Italia Nostra, esprimendo tutto l'amore che prova per queste terre.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Caro Tonino: Una testimonianza di grande affetto ed amore nei confronti della Versilia

Caro Tonino, quando mi chiamasti al telefono per avere notizie del diluvio che pochi giorni prima s'era abbattuto sull'Alta Versilia, non sapevo che tu fossi infermo, e così gravemente. Era il 29 o il 30 giugno. Ti credevo in vacanza in Saltellino e pensavo che a settembre saresti tornato a Roma. Da anni (venti? Trenta?) non ci vedevamo e non ci parlavamo. Ero così sorpreso di sentire la tua voce che mancai di chiederti della tua famiglia, del lavoro, e soprattutto di te e della tua salute.

L'alluvione che colpì la Versilia nel 1996 scosse gli animi di tutti quelli che sono legati a questa zona geografica, e non solo.
Manlio Cancogni cerca di riportare le sensazioni provate in quei giorni: il dramma e soprattutto il grande amore provato per questa terra, e lo fa con una lunga lettera indirizzata al suo amico Antonio Cederna, che non vedeva da anni ma con il quale era rimasto in contatto.
Una vera e propria missiva nella quale l'autore dà libero sfogo a tutti i suoi pensieri, come se fosse trascorso poco tempo dall'alluvione. Per Cancogni, questo non è solo un modo per parlare della tragedia: ma un pretesto per delineare un quadro approfondito della Versilia, raccontandola con aneddoti ed episodi vissuti in prima persona.
Leggendo le sue parole d'amore per le Alpi Apuane e l'Alta Versilia, non si può fare a meno di avvertire "il peso di una responsabilità che dobbiamo sopportare come una missione: la salvaguardia ambientale, la prevenzione del rischio per le calamità naturali, la cultura e la tradizione di un popolo di montagna che sappia riconoscersi nei valori e nella preservazione dei beni naturali", come afferma Michele Silicani, sindaco del comune di Stazzema, nella breve presentazione del libro.
La lettera è corredata da immagini scattate nei momenti immediatamente successivi all'alluvione, che contribuiscono a farci vivere il dramma di quei giorni.


Barbara Leone  (29-08-2007)

Leggi tutte le recensioni di Barbara Leone


Vota il libro!
La media è 3.01 (52 voti)
 

Dello stesso autore
Sposi a Manhattan
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom