?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Nora e le ombre
Nora e le ombre
Claudio Morandini 
blank
Romanzo, Italia 2006
228 pp.
Prezzo di copertina € 15
Editore: Palomar , 2006
ISBN 88-7600-173-5


Palomar

Una storia in cui atmosfere inquietanti, quasi gotiche, si mescolano con la quotidianità non meno complessa e paurosa dei nostri giorni. La contessina Aurora, verso la metà del secolo XIX, annota su diversi diari le visite notturne che riceve da parte di anime provenienti dal purgatorio per indurla a pregare per loro. Oggi Nora, insegnante di religione, ne trascrive i diari e ne condivide le ansie e i tormenti, sperando di trovare una soluzione alle sue problematiche interiori.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Nora e le ombre: Il nuovo libro di Claudio Morandini

Di quel pomeriggio, trascorso in una stanza dignitosa ma triste di quell'albergo, unici clienti, rimase a Nora una sensazione di irrealtà, come un sogno non particolarmente piacevole che si sarebbe potuto tramutare, da un momento all'altro, in un incubo dei peggiori.

Nora e le "sue" ombre. Così avrebbe potuto intitolarsi il nuovo libro di Claudio Morandini. Ombre del passato, ombre del presente che avvolgono Nora, la protagonista del romanzo, impedendole di essere veramente se stessa e di provare a vivere piuttosto che continuare a perdersi nella finzione dei suoi sogni e delle sue illusioni.
Si tratta di un romanzo unico nel suo genere, intenso, ben scritto, che non vuole essere letto tutto d'un fiato, ma meditato, assimilato lentamente in tutte le sue parti per scoprire i diversi e complessi piani narrativi che lo compongono.
C'è un primo livello, quello più evidente e immediato, della storia di Nora e del suo progetto di pubblicare la sua ricerca sulla contessina Aurora, una fanciulla vissuta a metà dell'800 che aveva il dono o la maledizione, a seconda dei punti di vista, di poter vedere le anime del purgatorio e redimerle con le sue ferventi preghiere.
C'è un secondo livello, più profondo e carico di significati, del confronto tra la vita di Nora, insegnante di religione, mai presa sul serio dai suoi studenti, dai suoi colleghi insegnanti e persino dalla sua famiglia, da suo marito Mario, dirigente scout, e da suo figlio Isacco, adolescente inquieto alle prese con i suoi problemi generazionali, e Aurora, esile e fragile creatura che ha fatto della propria esistenza una missione salvifica, tutta concentrata sul sacrificio penitente e la fede in un Dio misericordioso, incompresa però dai suoi familiari, specie dal padre che la osteggia in ogni modo.
C'è il terzo livello dell'attenta analisi sociale con la messa a fuoco della classica famiglia italiana perbene e cattolica che davanti manifesta solidità e moralità, ma al suo interno nasconde tradimenti, egoismi, incomprensioni e un profondo vuoto che lascia storditi e senza parole.
C'è la crisi di valori e di punti di riferimento incarnata nella figura di Isacco - mai nome è stato tanto appropriato per una storia ricca e complessa come questa - che ai genitori preferisce la guida del bullo di quartiere Cuzzalla, suo compagno di scuola, che tanto ricorda il Franti di De Amicis e che tra riviste pornografiche, scritte sui muri e gergo da caserma lo inizia alla perdizione.
C'è infine il dramma di una donna, Nora per l'appunto, che compie scelte sbagliate e che, in un certo qual modo, mette in evidenza la crisi di un modello femminile in apparenza tenace, combattivo, competitivo, ma in realtà contraddittorio, incapace di gestire le situazioni e di scegliere con discernimento, un modello femminile che non sa cosa vuole e che finisce inesorabilmente per commettere errori su errori fino ad un epilogo drammatico e senza più vie d'uscita.
A questo s'aggiunge lo stile dell'autore che pesca a piene mani nel linguaggio odierno, riuscendo a calibrare con estrema e sorprendete maestria espressioni colorite e descrizioni di estremo lirismo.
In Morandini ogni parola, ogni frase non sono mai casuali, ma sono tutte frutto di un piano ben preciso, di un labor limae accurato e metodico, per ottenere delle pagine terse, strutturate, equilibrate in ogni dettaglio, in ogni più piccola sfumatura, per restituirci un quadro definito e completo nel quale si muovono personaggi deboli, incompiuti, infantili che non sanno cosa cercare e dove andare. Ci si muove al buio purtroppo, anche se ci sembra di essere in piena luce, e nel buio ci aspettano le nostre ombre.


Alessandro Spadoni  (18-05-2007)

Leggi tutte le recensioni di Alessandro Spadoni


Vota il libro!
La media è 4.21 (123 voti)
 

Dello stesso autore
Le larve
Il sangue del tiranno

Articoli
lettera.com intervista Claudio Morandini
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom