?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Furto. Una storia d'amore
Theft. A Love Story
Peter Carey 
blank
Romanzo, Australia 2006
290 pp.
Prezzo di copertina € 16
Traduzione: Vincenzo Mantovani
Editore: Feltrinelli , 2007
ISBN 978-88-07-01716-2


Feltrinelli

Pittore con una carriera e una vita distrutta dal divorzio, Michael Boone condivide le sue sventure con il fratello Hugh, che ha più di un problema con il resto del mondo. Insieme si trovano ad affrontare la bellissima e misteriosa Marlene Leibovitz, femme fatale con una conoscenza superba dei mercati dell'arte.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Furto: Natura morta con schizzi di passione, Peter Carey, la pittura, l'amore e i mercanti d'arte

Ecco il guaio degli artisti. Siamo come dei piccoli bottegai, abituati a comandare a casa nostra. Se non ti garba come lo faccio, fuori dal mio negozio, scendi dal mio taxi, esci dalla mia vita.

Michael Boone, meglio noto come Butcher, è stato un pittore con un suo momento di gloria: colto, visionario, profondo nel distinguere la luce dal colore, la tela dal dipinto, il dettaglio dalla prospettiva, aveva trovato gallerie, clienti e quotazioni, ma poi dato che "il mercato è una bestia nervosa che facilmente si fa prendere dal panico", una volta trascinato nelle correnti di un divorzio senza pietà, si è ritrovato sperduto, senza nemmeno un soldo per pagarsi i pennelli. Non solo: fin dalla tenera età, Butcher deve seguire e accudire il fratello Hugh, che vive in un mondo tutto suo. Secondo le normali convenzioni sociali, si tratta di un handicap, ma più ci si inoltra nelle storie di Furto e più è chiaro che tra le ossessioni di Butcher e il solipsismo di Hugh non c'è poi una differenza così netta. Esiste piuttosto una forma di comunicazione latente, che costituisce uno dei principali livelli di lettura. "La voce di Butcher è molto australiana, piena di alti e bassi, molto prosaica ma anche disseminata con alcune sostanziali sentenze artistiche e intellettuali" ha detto Peter Carey in un'intervista alla Paris Review ed è quasi per un riflesso innato che gli alterna i pensieri scoordinati del fratello, Hugh. Lo strano equilibrio, gestito al meglio in un'area rurale dell'Australia, dove Butcher si è rifugiato scappando da mercanti, creditori e aventi più o meno diritto, viene messo in pericolo dall'arrivo di Marlene Leibovitz. Femme fatale affascinante e risoluta, che padroneggia il mercato dell'arte con un'abilità fuori dal comune, oltre a far innamorare Butcher, trascinerà lui e il fratello in uno spettacolare intrigo internazionale. Da qui in poi tocca al lettore scoprire cosa succederà perché Furto prende la piega di un thriller ad orologeria, che Peter Carey racconta miscelandolo, con un tocco in più per il ritmo e un certo garbo, con un'impossibile love story, tanto che lo stesso Butcher confessa, ad un certo punto: "Se vi ho dato l'impressione di aver fatto certi calcoli, lasciatemi dire una cosa: non avevo la più pallida idea di quello che stavo facendo". Trascinato, per amore, per necessità e forse per un ineluttabile destino tra Tokyo e New York, Butcher soccombe alle grazie e ai piani di Marlene, aggiungendo soltanto un paio di piccole riflessioni sulla sua personale condizione di artista. La prima riguarda il legame con i clienti, i mercanti, i politicanti, per cui la reazione, dal suo punto di vista, può essere soltanto una: "Erano loro a fare la storia, e allora andassero affanculo tutti quanti, sempre, in eterno". L'altra è una considerazione più generale, a cui anche Peter Carey si è avvicinato lavorando ai fondamentali di Furto ed è riferita all'essenza intima dell'essere un artista perché, come dice Butcher, "se vuoi fare arte, il lavoro non finisce mai, non c'è pace né riposo, solo un eterno sbattersi, imprecare, angustiarsi e innervosirsi". Viene spontaneo pensare che è meglio il mondo a parte di Hugh, ma non ci sono e non ci saranno mai prove. Un bel libro.

Marco Denti  (05-04-2007)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.93 (29 voti)
 

Dello stesso autore
Manga, fast food & samurai
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom