?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Interviste Extraterrestri
Are We Alone?
Stanley Kubrick 
blank
Saggio, Inghilterra 2006
230 pp.
Prezzo di copertina € 16,50
Curatore: Anthony Frewin
Traduzione: Elisabetta Nifosi
Editore: ISBN , 2007
ISBN 88-7638-046-9


ISBN

Nel complesso lavoro di preparazione a 2001: Odissea nello spazio, Stanley Kubrick commissionò una ventina di interviste ad altrettanti luminari della scienza e della fantascienza, poi svolte e redatte dal suo assistente Roger Caras. Il tema centrale in discussione è la possibilità dell'esistenza di vite extraterrestri, vista da diverse prospettive, ma sempre con un estremo rigore.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Interviste Extraterrestri: Le interviste impossibili di Stanley Kubrick

La miglior prova dell'esistenza di forme di vita intelligente nello spazio cosmico è il fatto che non siano mai venute da noi.

Già il fatto che l'elenco degli intervistati si apra con Isaac Asimov suggerisce una certa qualità nell'approccio ad un argomento che potrebbe suscitare facili ironie, ovvero l'esistenza di una vita, e magari di un'intelligenza extraterrestre, ma poi si capisce che l'interesse di Stanley Kubrick andava ben oltre gli aspetti strettamente cinematografici. "Certe parole debbono porsi ad un livello che l'umano non può situare. Quegli esseri avrebbero probabilmente dei poteri incomprensibili. Potrebbero essere in comunicazione telepatica attraverso l'intero universo. Potrebbero avere la facoltà di plasmare gli avvenimenti in un modo che appare divino" rifletteva Stanley Kubrick all'epoca dell'ideazione di 2001: Odissea nello spazio ed è lo spunto iniziale per cui ha chiesto a Roger Caras, il suo assistente più vicino, di realizzare una vasta serie di interviste, riportate in gran parte in questo Interviste extraterrestri. Tra gli intervistati c'è infatti un intero olimpo di fisici, psicologi, etnologi, biologi, astronomi e filosofi (nonché, oltre ad Asimov, un altro illuminato scrittore, Arthur C. Clarke che ebbe una parte rilevante nella sceneggiatura del film e che per l'occasione si è prestato per una brevissima e pungente prefazione) che le domande di Stanley Kubrick, via Roger Caras, pur partendo dai rispettivi ambiti riportano all'aspetto umano e divino della domanda principale: "Siamo soli?". In realtà è come se Stanley Kubrick avesse voluto scandagliare nell'ipotetico riflesso extraterrestre, tutti gli aspetti della vita terrena e ultraterrena, finita e infinita per identificarla poi in uno schema mitologico, del resto richiamato dallo stesso titolo di 2001: Odissea nello spazio. La conferma arriva nel lungo ed elaborato susseguirsi di appendici di Interviste extraterrestri (che completa l'omaggio al rigore e alla curiosità intellettuale di Stanley Kubrick) dove il regista inglese sembra voler chiudere e insieme ribadire un percorso intrapreso con la gestazione del film, rispondendo a sua volta ad una domanda di un'intervista: "Riesce ad immaginare lo sviluppo evolutivo di forme di vita molto più antiche? Potrebbero essersi trasformate da specie biologiche, che sono fragili involucri almeno per quanto riguarda la mente, a macchine immortali e poi dopo svariati millenni potrebbero avere abbandonato la crisalide della materia per trasformarsi in pura energia e spirito. Le loro potenzialità sarebbero illimitate e la loro intelligenza inafferrabile per gli esseri umani". Odissea nell'odissea, le Interviste extraterrestri, che in un prima ipotesi dovevano essere parte integrante del film, vennero poi scartate, messe da parte e in gran parte dimenticate fino a quando un altro assistente di Stanley Kubrick, Anthony Frewin che le ha ritrovate e assemblate in un libro denso e visionario che, esattamente come il film per cui erano state realizzate, è più vicino agli uomini che agli extraterrestri.

Marco Denti  (15-03-2007)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.85 (40 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Arancia meccanica
Stanley Kubrick - La Biografia
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom