?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Perché i pesci non affoghino
Saving fish from drowning
Amy Tan 
blank
Romanzo, Stati Uniti 2005
435 pp.
Prezzo di copertina € 17,50
Traduzione: Laura Noulian
Editore: Feltrinelli , 2006
ISBN 88-07-01706-7


Feltrinelli

Un composito gruppo di turisti americano si perde in un angolo remoto delle foreste della Birmania, dove scopre una civiltà primitiva e dedita a riti ancestrali, ma anche gli effetti delle feroci politiche repressive della dittatura militare.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Perché i pesci non affoghino: Il silenzio dell'acqua, nel cuore della Birmania con Amy Tan

Leggo per scappare in un mondo più interessante, non per essere rinchiusa in una prigione angusta e immaginarmi al posto di un altro.

In questo bel romanzo, stracolmo di personaggi femminili, Amy Tan comincia con un trucco piuttosto elementare (è un fantasma che racconta tutta la storia) ma che è efficace nel raggiungere un suo scopo preciso perché ad un certo punto dice: "come lettori siamo disposti a sospendere ogni scetticismo quando ci immergiamo in un romanzo. Vogliamo credere che il mondo in cui siamo entrati attraverso i portali dell'immaginazione altrui esista davvero, vogliamo credere che il protagonista sia, o sia stato, fra di noi". Infatti la voce principale, è della compianta Bibi Chen, scomparsa in circostanze piuttosto misteriose e complicate nel suo negozio d'arte orientale di San Francisco. E' lei che osserva dal suo nuovo status etereo le peripezie di un composito gruppo di turisti americano che si perde in un angolo remoto delle foreste della Birmania. E' piuttosto relativo che il viaggio sia stato preparato nei minimi dettagli proprio da lei e che l'avventurosa comitiva si sia ritrovata, tutta insieme, al suo funerale: Perché i pesci non affoghino racconta con ironia e anche con una sottile patina di paura la scoperta di mondi ancestrali, di primitive realtà tribali, ma anche delle assurdità di un regime dispotico e crudele attraverso il picaresco viaggio degli amici di Bibi Chen. I quali non sono esenti (anzi) dalle nevrosi della civiltà occidentale: c'è chi soffre di ipocondria, chi non si capisce, chi è troppo giovane e chi si sente già vecchio, e praticamente tutti sono alla ricerca di un equilibrio o almeno di un punto di appoggio dove possa essere presa in considerazione la parola amore. La voce di Bibi Chen vorrebbe essere comprensiva e indulgente verso di loro ma con il tempo ha imparato che l'arte è "deliziosamente sovversiva, puoi vedere ciò che trapela a dispetto dell'autolimitazione, o forse grazie a essa. L'arte disprezza la placidità e le superfici lisce". Allora si concede tutto un repertorio di commenti, racconti, storie e acidità che, insieme al gran movimento di personaggi e interpreti rendono Perché i pesci non affoghino quasi una sceneggiatura per un film sull'esotismo della nostra decadenza. E, pur affrontando temi piuttosto ingombranti, con molto garbo, una scrittura florida e al tempo scorrevolissima, Amy Tan incanta il lettore lungo un'odissea tutta da scoprire.

Marco Denti  (14-02-2007)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.27 (48 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Fish & Fish
Gli uomini sono pesci
I pesci dell'amarezza
Il museo dei pesci morti
Il pesce che è in noi
In cerca di giallo - Pesci e...
Sano come un pesce
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom