?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Un'etica senza Dio
Un'etica senza Dio
Eugenio Lecaldano 
blank
Filosofia, Italia 2006
114 pp.
Prezzo di copertina € 12
Editore: Laterza , 2006
ISBN 88-420-8000-4


Laterza

Il saggio affronta in maniera chiara e approfondita la questione di un'etica laica, non fondata sulla religione.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Un'etica senza Dio: Un filosofo d'assalto

Non solo è vero che senza Dio non può darsi l'etica ma anzi è solo mettendo da parte Dio che si può veramente avere una vita morale.

L'opera divulgativa è una brutta bestia per chi vi si cimenta: il rischio a ogni riga è di banalizzare, fino ad alterare, una materia, un argomento di cui si vorrebbero fornire i primi rudimenti a un vasto pubblico. E' un rischio che necessariamente si concretizza; è, direi, una conseguenza connaturata al genere, inevitabile.

Per questo chi già sa storcerà il naso solo sfogliando le pagine dell'esile opuscolo del professor Lecaldano sulle possibilità di un'etica non fondata sulla religione, un libretto che ha tutti i pregi e i difetti di un lavoro di questo tipo.

Certo, il professore ci prende un po' troppo gusto in questo mirare al target più ampio possibile: esordisce, quasi facendo propria la morbosità mass-mediatica dei "cronisti d'assalto", sciorinando una serie di casi recenti che hanno fatto discutere, che hanno decretato il successo di tante trasmissioni televisive: si va dall'aborto all'eutanasia alla ricerca genetica alle staminali. Anche il lettore più bendisposto è tentato di scagliare contro un muro il centinaio di pagine che ha tra le mani. Ma abbiamo fiducia. Sia stata una scelta redazionale o meno, a chiunque si debba attribuire questa meravigliosa idea, il lettore dovrà tenere i nervi saldi.

Lecaldano, è vero, pare continuare a girare attorno al problema, soffermandosi sull'impossibilità di dimostrare l'esistenza di Dio. Sappiamo che non è questo il punto centrale della questione. Sopportiamo anche questo: d'altronde, secondo un'ottica divulgativa, l'essenziale è andare avanti con ordine, fare chiarezza, sgomberare il campo da ogni possibile dubbio o confusione. Ed è ciò che diligentemente fa Lecaldano. Che arriva al nocciolo, e con estrema coerenza (supportato in questo, tra l'altro, proprio da una tradizione filosofica che procede per gradi, attraverso puntuali confutazioni di ipotetiche tesi e obiezioni contrarie): le ragioni di chi sostiene non possa esistere un'etica senza Dio sono esposte per essere quindi smontate punto per punto, in maniera precisa ed efficace e richiamando tutta una tradizione filosofica di antiche radici, ma che pare quasi del tutto persa: "Ci sembra [...] goda di ottima salute la cultura [...] che non riconosce più la distinzione tra peccato e reato" (p. VIII).

Lecaldano "sta sulla notizia", non c'è dubbio, e approfitta del momento per lanciare sul mercato questo piccolo saggio di cui tuttavia si sente l'esigenza, sommersi come siamo da una retorica religiosa che viene infilata ovunque. Un periodo di estrema confusione, in cui ciò che manca è innanzitutto la quanto mai banale e necessaria separazione tra etica e religione. Sembra purtroppo un'affermazione straordinaria, rivoluzionaria, pur essendo una conquista di qualche secolo fa, ma sempre più dimenticata o ignorata.

Il punto è proprio questo: si può parlare di opera divulgativa (e quindi in un certo senso oziosa e superficiale) in un presente in cui il passato appare drammaticamente azzerato?



Anna Maria Lauretti  (12-02-2007)

Leggi tutte le recensioni di Anna Maria Lauretti


Vota il libro!
La media è 2.78 (37 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom