?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Il cinema un'invenzione senza futuro
Il cinema un'invenzione senza futuro
Davide Ferrario 
blank
Antologia, Italia 2005
230 pp.
Prezzo di copertina € 12
Editore: Voirtrade , 2005
ISBN 88-89536-00-4


Voirtrade

Il cinema è un’invenzione senza futuro racconta i retroscena della produzione di Dopo mezzanotte, attraverso una lunga intervista a Davide Ferrario e la “non-sceneggiatura” del film, come la definisce il regista. Attraverso vari testi prendono forma una serie di progetti mai arrivati sullo schermo. Cuore del libro la sceneggiatura inedita di Parabolico, una pungente satira della società italiana che avrebbe avuto come protagonista Pietro Taricone, la cui corrispondenza con Ferrario costituisce una parte importante, e colorita, di questo libro. In queste pagine ricche d’aneddoti ed episodi curiosi Davide Ferrario racconta la sua battaglia per l’indipendenza nello scenario (talvolta improbabile) del cinema italiano.

naldina naldina naldina naldina naldinagrigio

Il cinema un'invenzione senza futuro: Buona visione!

La mia aspirazione è essere un dilettante professionista a vita.

Il cinema è un’invenzione senza futuro è una citazione celebre di Antoine Lumiere, e a suo modo è contemporaneamente un’affermazione programmatica e una satira leggera su se stessi. Per chi da anni segue Davide Ferrario e le sue produzioni cinematografiche, questo libro è un’autentica miniera di analisi, una cifratura del linguaggio cinematografico e la conseguente codifica di un nuovo modo di avvicinarsi al cinema come contenuto, e non solo come contenitore: come messaggio, non come racconto. L’intervista al regista svela alcuni curiosi episodi anche dell’attività di cineasta; ne emerge la fatica di un mestiere complesso.

Il libro come s’è detto è costituito da documenti diversi tra loro per forma e scrittura, ma tutti focalizzati attorno alla produzione di Ferrario. Nel libro vengono presentati i testi di una lunga intervista a Davide Ferrario, la sceneggiatura del film "Parabolico" scritta dallo stesso Ferrario pensando a un film successivamente mai realizzato, alcune lettere scritte da Pietro Taricone a Ferrario, un breve testo di accompagnamento intitolato “come leggere la non-sceneggiatura di Dopo Mezzanotte”, il brogliaccio di Dopo Mezzanotte, seguito da alcune foto di scena.

La vera sorpresa di questo libro è forse proprio la raccolta di lettere scritte da Pietro Taricone, protagonista della prima edizione italiana del Grande Fratello. Taricone, personaggio a suo tempo popolarissimo sia durante che dopo il reality che a suo modo ha dato il colpo di grazia alla qualità della programmazione televisiva nel nostro paese, trova senza dubbio un riscatto nei confronti di chi, compreso il sottoscritto, non aveva gradito le sue spacconate nella casa più famosa d’Italia. Sottraendosi alle telecamere una volta concluso il programma, in queste lettere Taricone racconta una serie di episodi assolutamente surreali, a metà tra le visioni di futuro di Ennio Flaiano e la tragicomicità di Italo Calvino. Sorprende la forma del suo scrivere, molto più elaborata di quanto non ci si aspetti, e un’intelligenza che cozza contro un personaggio rozzo che a ritroso sembra quasi costruito su misura, quasi fosse un ruolo da commedia dell’arte. Quasi un peccato che il film progettato da Ferrario con protagonisti il bravo Valerio Mastrandrea e lo stesso Taricone, dopo –diciamolo- la non felice comparsa in Ricordati di me di Gabriele Muccino, non sia mai stato realizzato: avrebbe potuto regalare scenari ancora inediti e caratteri attualmente latitanti nei protagonisti del cinema italiano contemporaneo.

Un libro prezioso, accattivante e tutt’altro che noioso. Un “piatto misto” che, se gustato dopo la visita del Museo del Cinema di Torino, ambientazione del film Dopo Mezzanotte (del quale, volontariamente, qui non si commenta: non almeno nella critica di un libro così articolato e pregnante di significati), assume un sapore unico e appagante. Raccontare il cinema a parole non è mai sembrato così efficace.



Alberto Campagnolo  (19-06-2006)

Leggi tutte le recensioni di Alberto Campagnolo


Vota il libro!
La media è 2.63 (46 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom