?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Parigi non finisce mai
Parìs no se acaba nunca
Enrique Vila-Matas 
blank
Romanzo, Spagna 2003
230 pp.
Prezzo di copertina € 16
Traduzione: Natalia Cancellieri
Editore: Feltrinelli , 2006
ISBN 88-07-01704-0


Feltrinelli

Perseguitato dall'idea di essere un sosia di Ernest Hemingway, Enrique Vila-Matas ricostruisce i suoi due anni di formazione nella Parigi della "lost generation", ospite di Marguerite Duras, prigioniero dell'idea di diventare uno scrittore e ossessionato dalla vitalità della città.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Parigi non finisce mai: Hemingway on my mind, a Parigi con Enrique Vila-Matas

Non hai altra scelta che cercare di essere quanto più ostinato possibile, mantenere la fede nell'immaginazione più a lungo degli altri.

Forse la citazione di Samuel Beckett in fondo al libro ha più di un senso, ma colpisce nel segno: "Non s'inventa nulla, si crede di inventare, di evadere, non si fa che balbettare la propria lezione, frammenti di un senso imparato e dimenticato, la vita senza lacrime, così come la si piange. E poi al diavolo". E' l'ispirazione principale, anche se si trova al capolinea, che porta Enrique Vila-Matas a ricostruire gli anni intensi e brucianti vissuti a Parigi sulle orme della Lost e della Beat Generation, ospite di Marguerite Duras. Un'impresa difficoltosa perché "il passato è sempre un insieme di ricordi, di ricordi molto precari, perché non sono mai veri" e la sua ossessione per Ernest Hemingway lo porta spesso a sovrapporre epoche e tempi molto diversi. E' la "sensazione di essere in due tempi e in due posti" che nutre un po' tutte le pagine di Parigi non finisce mai perché Enrique Vila-Matas si dibatte tra l'estenuante tentativo di diventare uno scrittore (il suo lavorìo è tutto concentrato su un romanzo piuttosto criptico, L'assassina letterata), la vita rutilante di una città che non dorme mai e sprizza arte da ogni angolo e le pressioni della famiglia che dalla natìa Spagna non cessa un secondo di tormentare le sue velleità. Di solito è così per tutti e Enrique Vila-Matas, tanto a Parigi nei suoi giovani anni ribelli, quanto oggi, si aggrappa al suo strambo processo di identificazione con Ernest Hemingway non tanto per emularlo o imitarlo, quanto per prendersi la libertà assoluta di scegliersi una faccia, un'identità e una personalità, che lui stesso descrive così: "D'altra parte credo di avere il diritto di potermi vedere in modo diverso da come mi vedono gli altri, vedermi come ho voglia di vedermi e non avere l'obbligo di essere la persona che gli altri hanno deciso che io sia. Siamo come gli altri ci vedono, d'accordo. Ma io mi rifiuto di accettare una simile ingiustizia. Sono anni che cerco di essere più misterioso, imprevedibile e riservato possibile. Sono anni che cerco di essere un enigma per tutti". Pur aiutato dall'anima di una città che in un modo o nell'altro è stato il cardine per le maggiori espressioni artistiche degli ultimi due secoli, Enrique Vila-Matas magari non è riuscito nell'intento di trasformarsi in un mistero e poi in un mito, ma almeno è riuscito a raccontare la quotidianità rutilante di chi coltiva la vita con quel fertilizzante indispensabile che si chiama ironia. Consigliatissimo.

Marco Denti  (12-06-2006)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 3.0 (25 voti)
 

Dello stesso autore
Bartleby e compagnia
Suicidi esemplari
L'assassina letterata
Dublinesque
Storia abbreviata della letteratura portatile

Altri libri per parola chiave
I segreti di Parigi
Il cinema di Jules Dassin. Hollywood-Parigi-Atene
La parigina. Guida allo chic
Le francesi non ingrassano
Le meraviglie di Parigi
Parigi
Una vita francese
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom