?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
A neve ferma
A neve ferma
Stefania Bertola 
blank
Romanzo, Italia 2006
234 pp.
Prezzo di copertina € 12,50
Editore: Salani , 2006
ISBN 88-8451-700-1


Salani

Emma, dopo una tesi sulla Stele di Rosetta, abbandonata per sempre l’idea di sua madre di diventare una stimata professoressa di lettere, decide di seguire le sue segrete inclinazioni e darsi alla pasticceria. Approda alla “Delacroix”, la più famosa e chic pasticceria di Torino, che porta il cognome del capostipite, Corrado, e di suo figlio Andrea, tenebroso pasticciere con il quale Emma è stata fidanzata per tre indimenticabili giorni, fino all’inaspettata comparsa dell’attrice francese Jasmine Jay. Tra i due sboccia un travolgente amore, complice il fatto che Jasmine è stata la passione cinematografica di Andrea da quando lui aveva sedici anni, e alla povera Emma non rimane altro che accettare la proposta del gelido Corrado e partecipare in rappresentanza della “Delacroix” al più famoso concorso internazionale di pasticceria “Una stella per Natale”. Ma le prove non sono finite. La signora Elena, direttrice della pasticceria, da trent’anni innamorata con discutibile successo di Corrado, impone al suo principale la partecipazione al concorso della sua sedicente nipote Camelia, ventitreenne allevata dalle suore, interessata a collezionare amori vari, a fare la testimonial televisiva e assolutamente incapace di cucinare. Emma, declassata ad assistente di Camelia, sceglie come seconda assistente la sua coinquilina Bianca prossima ad imbarcarsi su una baleniera per evitare il dottor Carella, e si appresta ad essere reclusa per una settimana nel lussuoso Hotel Meridien di Torino per creare il dolce vincente.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

A neve ferma: Zenzero, caffè e mandorle

E con cioccolato e rossi d’uovo e panna preparò una crema al cioccolato, e poi un’altra crema al cioccolato quasi uguale ma arricchita da due tazzine di caffè forte, e un’altra crema chantilly quasi uguale ma profumata con mezza tazzina di caffè leggero, e poi farcì gli strati di sottile meringa al cioccolato con tutte queste creme alternate, e ottenne una torta irregolare e molto fitta. E la circondò di arabeschi di zucchero caramellato e cioccolato, e intanto anche Bianca si era svegliata ed era scesa in cucina, e lei e Camelia la guardavano, e probabilmente le parlavano anche, ma Emma non le sentiva, completamente intenta a fare quello che stava facendo, e a sbrigarsi anche, perché gli altri erano anni luce avanti a lei, e il biscotto era sempre lì, ormai freddo, in un angolo dell’Isola.

A chiunque stia passando un momento triste, infelice o dai dubbi risvolti sentimentali, andrebbe consigliato un romanzo di Stefania Bertola. Questa stimata autrice e traduttrice di libri è capace di scrivere storie che si leggono d’un fiato, con il sorriso stampato sulla faccia fino all’ultima riga, traboccanti di raffinata ironia e con personaggi impossibili da non amare. Questo A neve ferma, dopo Ne parliamo a cena, Aspirapolvere di stelle e Biscotti e sospetti, è un romanzo che ha come protagonista una donna che si scontra con problemi che tutti almeno una volta si sono trovati a dover affrontare. Il nocciolo della questione non è quanto ognuna di noi possa immedesimarsi nel personaggio di Emma, ma come l’autrice sia capace di scrivere una storia semplice con la chiave giusta, battendo su quei tasti che possono trasformare una piatta realtà in uno scritto esilarante, fresco, limpido, che regala una lettura piacevole e riposante. Guardare quelle pagine da cui saltano fuori zucchero, uova, latte e farina (le basi della pasticceria) ed accompagnare i protagonisti nelle loro vicende riesce facile e piacevole quasi come immaginare di mangiare uno dei meravigliosi dolci della rinomata pasticceria Delacroix. Leggere non solo di Emma ma di Corrado, Andrea, Bianca, Mario, del dottor Carella, di Camelia, Elena, Noemi e persino di Jasmine vuol dire passare ore di pura allegria. Stefania Bertola farcisce il suo scritto con citazioni dotte, trovate geniali, descrizioni accurate e con una miriade di personaggi trattati con cura e dedizione. Consiglio a chiunque voglia rilassarsi e ridere di gusto di immergersi nella profumata e soffice scrittura della Bertola e di assaporare con voluttà questa storia saporita come un Sonetto, pungente come i Piccadilly e dolce, dolcissima, come la torta Camelia.

Alice Scolamacchia  (22-05-2006)

Leggi tutte le recensioni di Alice Scolamacchia


Vota il libro!
La media è 2.93 (114 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Il ragazzo che dormiva con la neve nel letto
Il re della neve
Il senso di Smilla per la neve
La neve se ne frega
Neve
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom