?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Stelle rosse a Milano
Stelle rosse a Milano
Roberto Villa 
blank
Storico, Italia 2004
234 pp.
Prezzo di copertina € 11,50
Editore: Greco & Greco , 2004
ISBN 88-7980-366-2


Greco & Greco

Milano, 1847/1848. La città è occupata dalle truppe austro-ungariche, che la tengono con pugno di ferro. Durante una manifestazione religiosa, i soldati uccidono alcuni cittadini innocenti e si rendono protagonisti di tremende efferatezze: il fuoco che covava sotto le ceneri comincia a divampare, e le varie forze di opposizione iniziano a preparare un’insurrezione che scoppia nel marzo del 1848, dopo un inverno di tensioni, scioperi e attentati. Il popolano Ambrogio Sacchi decide di mettersi alla guida di un gruppo di coraggiosi sabotatori...

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Stelle rosse a Milano: I traditori del popolo

Sono necessari tre giorni di sangue per garantire trent’anni di pace.

La sanguinosa vicenda delle cosiddette ‘cinque giornate di Milano’ costituisce una delle pagine più gloriose e al tempo stesso deprimenti della storia del Risorgimento italiano. Gloriosa perché ha visto il popolo di una città intera insorgere contro nemici spietati e armati fino ai denti per liberare le strade dall’invasore, deprimente perché le divisioni interne al movimento insurrezionale e la decisione della fazione ‘moderata’ di affidarsi al re piemontese Carlo Alberto, che dapprima diede il suo appoggio ai rivoltosi e poi concluse accordi sottobanco con il Maresciallo Radetsky consegnando Milano al nemico, resero vano il sacrificio di tanti patrioti entusiasti di dare la vita per la causa della libertà. Il libro di Roberto Villa ripercorre le vicende dell’inverno 1847/1848 con passione, ricorrendo all’artificio letterario del ritrovamento del memoriale di un suo antenato, Ambrogio Sacchi, che dà vita alla Brigata Buonarroti, un gruppo armato di volontari innamorati delle idee socialiste e rivoluzionarie che proprio in quegli anni percorrevano l’Europa (infatti il Sacchi durante il romanzo scopre con ardore gli scritti di Marx ed Engels). Proletari valorosi, idealisti, che cadono nel tritacarne dei poteri forti, vittime dell’ignavia e della malafede dei ceti medio-alti ma non per questo smettono di sognare e combattere: potrebbero esistere personaggi più simpatici? No, e infatti Stelle rosse a Milano si legge con piacere, in un alternarsi di esaltazione e indignazione al mutare delle sorti dell’insurrezione meneghina. Gabrio Casati, Carlo Cattaneo, Luciano Manara smettono di essere nomi sui libri di storia e diventano figure vive, zeppe di contraddizioni. Il ricorso al dialetto lombardo nei dialoghi dei popolani milanesi regala spontaneità ed energia al tutto, una risorsa in più per un romanzo che ha l’accuratezza del saggio storico, il ritmo del romanzo d’avventure e la tensione politica del pamphlet.

David Frati  (10-01-2006)

Leggi tutte le recensioni di David Frati


Vota il libro!
La media è 3.77 (140 voti)
 

Altri libri per parola chiave
CamminaMilano
Milano non esiste
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom