?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Elena Carrisi
Elena Carrisi
Amarilli Gastaldi 
blank
Drammatico, Italia 2005
76 pp.
Prezzo di copertina € 5
Introduzione: Enzo G. Castellari
Editore: Il Foglio , 2005
ISBN 88-876-06058-8


Il Foglio

Una famiglia come tante altre. Padre geometra al comune, madre casalinga e una figlia diciottenne, Elena. Ma un bel giorno arriva Arianna, una ragazzina timida e introversa, rimasta orfana dei genitori. Arianna è nipote del capofamiglia, che si è impegnato a crescerla come sua figlia. Elena entra in crisi, non sopporta la cugina e non sapendo trovare le parole per comunicare il suo disagio al padre, inizia a sfidarlo con il suo comportamento...

naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio naldinagrigio

Elena Carrisi: Figlie

Il citofono sbraita. La musica a palla dello stereo trasuda dal filtro della cornetta.

Ernesto Gastaldi ha scritto (letteralmente e metaforicamente) la storia del cinema italiano di genere: suoi i copioni di più di 100 film, tra i quali gli indimenticabili “Perché quelle strane gocce di sangue sul corpo di Jennifer?” e “L’orribile segreto del Dr. Hichcock”. Sua figlia Amarilli sta seguendo le orme del padre (tra le mille difficoltà di un ambiente, quello dello show business italiano, che è ben lontano dalla vitalità e dalle potenzialità di qualche decennio fa), e già dal finire degli anni ’80 ha legato il suo nome ad importanti operazioni cinematografiche e televisive. Dopo qualche piccola opera interlocutoria tra concorsi di poesia e antologie, ecco un lungo racconto che rappresenta il vero e proprio esordio narrativo della figlia d’arte. E guarda caso la protagonista è essa stessa una figlia, che conduce la sua personalissima guerra contro un padre ‘reo’ di troppe attenzioni nei confronti di una cuginetta adottata e di troppo poche nei suoi confronti. Struttura a flash, periodi brevi, scrittura nervosa (con annesso abuso di punti esclamativi): la derivazione cinematografica di Elena Carrisi salta agli occhi. Uno stile che è la forza ed assieme il limite del racconto, che riesce sì a veicolare con l’immediatezza di un’endovena le emozioni, il disagio, la ribellione, la violenza catartica del finale, ma appare anche troppo frettoloso nelle descrizioni, quasi distratto nel dotare il plot di uno sfondo che abbia una qualche profondità, che sia realmente tridimensionale. Al futuro il compito di saggiare la crescita della Amarilli narratrice: le premesse ci sono, ma siamo ancora all’inizio.

Walter Viticci  (23-09-2005)

Leggi tutte le recensioni di Walter Viticci


Vota il libro!
La media è 2.19 (452 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom