?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Pornosnob
Pornosnob - Diario di un'anti Bridget Jones
anonimo (Pornosnob)  
blank
Romanzo, Italia 2005
168 pp.
Prezzo di copertina € 14,50
Editore: Barbera , 2005
ISBN 88-7899-009-4


Barbera

Cosa resta da desiderare se si possiede già tutto, compresa le gelida consapevolezza di poter avere chiunque? Pornosnob ha fatto la sua scelta: si abbandona alla routine- le cene, i riti della cura del corpo, le notti in discoteca, il sesso- e occupa il suo tempo ad analizzare percezioni fisiche ed emozioni, per poi fermarle con ossessiva precisione su un diario on line. Ben presto conquista una schiera di fan che segue il suo blog dove con sguardo lucido e spregiudicato mette a nudo tutto e tutti senza dare ad alcuno possibilità di replica, tanto sul web quanto nella vita. Ma la vita riserva sempre delle sorprese… anche per Pornosnob.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Pornosnob: Cosa c’è sotto il vestito?

Dovrei rispondergli. Niente, io voglio non fare niente. Solo dormire, cucinare, avere cura del mio corpo, nuotare almeno due volte la settimana, vedere dei film, navigare su internet, incontrare persone, ballare, gli alcolici, scopare. Consacrare l’esistenza all’inutilità più perfetta. Sconfiggere la noia inventando nuove impellenti necessità di consumo. Scegliere la perdizione, per non andare perduta. Diventare il vortice, per non finire ingoiata.

La scrittura raffinata e sensuale è la prima cosa che ci seduce (e ci stupisce). O la seconda, se siamo già stati sedotti dall’accattivante neologismo del titolo. La terza è lei, Pornosnob, il personaggio/alter ego dell’anonima autrice. Ma chi è Pornosnob, cosa ha da dire? Perché che abbia qualcosa da dire si capisce fin dalle prime pagine, così come salta agli occhi che ogni preconcetto intellettuale va messo da parte: qualcosa da raccontare ce l’ha, ed ha anche gli strumenti (letterari s’intende) per farlo. Quello che ci racconta è la vita di una ragazza come molte, con un lavoro che la impegna poco e tanto tempo ed abbastanza denaro per condurre un’esistenza di quelle che i meno aperti definirebbero “a perdere”. La noia la assale tra un pomeriggio di shopping (firmatissimo) ed una cena con gli amici (poco lavoro, tanto tempo ed abbastanza denaro anche loro) che la porterà in discoteca alle tre del mattino e poi forse (ma più spesso sì che no) a rotolarsi da qualche parte con qualcuno. A pochi sporadici sconosciuti -con cui fare le cose davvero (quasi) sporche- si alternano un fidanzato di quelli che non ci sono mai, un amante che vorrebbe sostituire il fidanzato ed un paio di amici da una scopata ogni tanto. “Mi piace pensare che, fossi nata a Londra come Bridget Jones, oggi sarei come lei. Deliziosamente sensibile. Emotivamente fragile. Irrimediabilmente grassa.”, scrive di se stessa sul blog; ma Pornosnob vive a Cagliari ed è magra, è una bella gnocca e non ha tutte quelle paranoie sentimentali che affliggono l’altra metà del cielo (anche perché sennò da BJ passeremmo ad una puntata di Sex and the city!). Insomma, in buona sostanza, cosa ci vuole raccontare? Come riesce a condurci con sé fino all’ultima pagina dove ci attende una sorpresa che, però, quando arriva non ci sorprenderà poi così tanto? Non è fragile, non cerca disperatamente il principe azzurro, adora il superfluo e riesce ad apparire frivola e superficiale come solo una donna intelligente può fare. Dovrebbe suscitare anche una certa antipatia… Eppure si salva. Perché è spregiudicata e sottile, spudoratamente vera in un mondo che ostenta facciate a più non posso e perché, senza passare dal lettino dell’analista, sa raccontare con spietata lucidità e bella scrittura, disincantata eppure intrigante, uno stile di vita che molti conducono, ma che pochi hanno il coraggio di ammettere. E che è poi uno spaccato dei tempi in cui viviamo.

Simonetta Degasperi  (31-07-2005)

Leggi tutte le recensioni di Simonetta Degasperi


Vota il libro!
La media è 2.38 (136 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom