?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Tecnologie affettive
Tecnologie affettive
Maurizio Torchio 
blank
Racconti, Italia 2004
183 pp.
Prezzo di copertina € 13
Editore: Sironi , 2004
ISBN 885180043X


Sironi

Gli umani di questo libro per nascere, morire, amare, diventare adulti, devono ricorrere a degli artifici. Per sopravvivere in un ambiente gelido inventano cooperative degli affetti, marmellate di baci, cani, autisti, idoli fotocopiati, donne proiettate, bevande effervescenti. Molti degli umani di questo libro sono spietati perché affaticati. Perché alla nascita sono i più inermi, i più nudi e più sprovveduti di tutti gli animali. Si strappano di mano le cose, gli affetti e i ricordi.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Tecnologie affettive: Quando la tecnica ha un cuore

Credo sia convinto di avere una missione: lui e la massaia che mette ordine, pulisce, ritrova dove sono passati i sogni (…)

Sei racconti particolari e fulminanti, che forniscono uno spaccato dell’Oggi tanto paradossale quanto non così lontano dalla realtà delle nostre teste. “Inermi”, “Nudi”, “Sprovveduti”, recitano le note di copertina. Siamo davvero così? E finiremo davvero a ricorrere ai palliativi descritti in questa piacevole opera prima? In fondo lo facciamo già e risulta quasi più romantico pensare a una marmellata che conservi il ricordo dei baci che a un’interminabile seduta in palestra o a una festa ad alta gradazione alcolica. Maurizio Torchio sembra concedere una via d’uscita all’umanità “tecnologica” e alla velocità, alla fruibilità dei suoi strumenti; in fondo l’essere umano è pieno di inventiva e trabocca di cuore. Quale profonda depressione e quale chip potrebbero farglielo dimenticare? Questi racconti rispondono: nessuno, perché anche nel momento più povero e solitario (si pensi a “Effervescente Paloschi”), emergono la natura umana, la sua complessità, le sue meravigliose contraddizioni.
Il libro è curioso e, soprattutto, incuriosisce. Finalmente un soggetto originale e perfettamente aderente ai tempi, con l’ironia e quella “profondità leggera” che distinguono gli scrittori di buone speranze da quelli che si prendono troppo sul serio. Da leggere.


Martina Montauti  (26-07-2005)

Leggi tutte le recensioni di Martina Montauti


Vota il libro!
La media è 2.66 (30 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom