?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Una domenica in piscina a Kigali
Une dimanche à la piscine à Kigali
Gil Courtemanche 
blank
Romanzo, Canada 2000
210 pp.
Prezzo di copertina € 16
Traduzione: Annamaria Ferrero
Editore: Feltrinelli , 2004
ISBN 88-07-01672-9


Feltrinelli

Rwanda, dieci anni fa: nel cuore di un genocidio nasce una bella, tormentata e tragica love story tra un reporter occidentale e una ragazza hutu con il volto tutsi.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Una domenica in piscina a Kigali: Vita, amore e morte nell'Africa del ventesimo secolo

Siamo sempre prigionieri delle nostre parole.

Succede tutto dentro e attorno ad un hotel di Kigali. Un luogo così provvisorio da sembrare definitivo: nel Rwanda al tramonto del Novecento i commerci (di armi, di medicinali, di idee, di informazioni e di fedi) avvengono tra un cocktail e l'altro, nei corridoi, ai buffet. Ambasciatori e agenti segreti, giornalisti e mercanti, volontari e missionari sembrano tutti quanti dediti, almeno agli occhi di Valcourt, il protagonista di Una domenica in piscina a Kigali, ad un enorme e continuo traffico, indifferente all'apocalisse che sta crescendo negli intestini del Rwanda. Valcourt, in un'atmosfera surreale da crepuscolo degli dei, s'innamora perdutamente di una ragazza che ha il volto disperato del meticcio: è una hutu, ma ha le forme e l'eleganza dei tutsi. Una volta sposati, Valcourt si rifiuterà di lasciare il Rwanda una volta cominciato l'atroce genocidio dei tutsi per stare accanto a Gentille (questo il nome della moglie) e vivere fino in fondo la disintegrazione di un paese non meno che di un'umanità e delle sue speranze. Con Una domenica in piscina a Kigali, Gil Courtemanche trasferisce in un romanzo lineare, senza grandi pretese linguistiche, ma sicuramente efficace, non solo una chiara e nitida interpretazione del genocidio in Rwanda (compreso il ruolo ambiguo e brutalmente utilitaristico del cosiddetto mondo occidentale). Prova a far sopravvivere, nell'abisso del massacro, un esile scampolo di poesia conservato proprio da Gentille. E' lei, la vittima designata, a tenere accesa, in fondo, una piccola scintilla di innocenza e bellezza che brilla nelle tenebre. Un libro utile, e consigliatissimo.

Marco Denti  (15-04-2005)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.98 (81 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom