?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Budapest
Budapest
Chico Buarque 
blank
Romanzo, Brasile 2005
140 pp.
Prezzo di copertina € 13
Traduzione: Roberto Francavilla
Editore: Feltrinelli , 2005
ISBN 88-07-01671-0


Feltrinelli

José Costa, un ghost writer brasiliano, si trova di passaggio a Budapest dove, nel tentativo di impadronirsi dell'ungherese, si scopre poeta, e molto altro

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Budapest: Una città per cantare

Forse era possibile sostituire nella testa una lingua con un'altra, a poco a poco, scartando una parola per ogni parola acquisita. Per un certo tempo la mia testa sarebbe stata come una specie di casa in restauro, con le parole nuove che entravano da un orecchio e i calcinacci che uscivano dall'altro.

C'è una piccola, bellissima frase di Chico Buarque che illumina la strada per entrare nel mondo di Budapest: "Dovrebbe essere proibito prendere in giro chi si avventura in una lingua straniera". E' quello che succede a José Costa, uno scrittore per conto terzi che, nella tappa di un viaggio europeo, si vede bloccato davanti ad una televisione che parla solo ungherese. Un'epifania che provoca un corto circuito che, come ha ben capito Caetano Veloso è "un labirinto di specchi". Tutto è riflesso ed è doppio: le città di José Costa (Rio e Budapest), le sue lingue, le donne (Vanda e Kriska) persino la sua scrittura che, ad un certo punto, di divide tra prosa e poesia. Quest'ultimo passaggio è una sorpresa perché José Costa non è mai stato un poeta e scoprirlo attraverso un'altra lingua (l'ungherese, appunto) gli aprirà orizzonti inaspettati perché, come dice il protagonista di Budapest, "Le frasi erano mie, ma non erano frasi. Le parole erano mie, ma avevano un altro peso. Scrivevo come se stessi camminando per casa mia, però sott'acqua". Rivelatosi emigrante tra le parole, José Costa proverà a sentirsi straniero persino a casa sua, non appena sbarcato a Rio e resterà in cerca di un'identità, tra il ghostwriter brasiliano e il poeta ungherese. Un tema affascinante e molto profondo che Chico Buarque sviluppa con una leggerezza e una passione degne di Italo Calvino, ma anche con un ritmo e un savoir faire tutti musicali. Del resto, come José Costa è sospeso tra due lingue, lui è perennemente sospeso tra la musica e la scrittura e, Budapest ne è la dimostrazione, un equilibrio si può trovare.

Marco Denti  (21-03-2005)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 2.97 (46 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Budapest (Guida)

Articoli
Intervista a Chico Buarque
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom