?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Libri di sangue
Libri di sangue
Roberta Mochi 
blank
Saggio, Italia 2003
192 pp.
Prezzo di copertina € 12,50
Editore: Larcher , 2003
ISBN 88-88853-06-8


Larcher

L'horror italiano di fine millennio: dieci anni di racconti e romanzi violenti e spaventosi, spesso ignorati dalla critica ufficiale e dalle grandi case editrici. Una piccola storia della letteratura di genere orrorifico italiana dagli anni '90 in poi che racconta stili, tendenze e personaggi.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Libri di sangue: Bianco, rosso e... rosso sangue

Bisognerebbe quindi riformulare le considerazioni sull'horror, per strappargli l'etichetta gravosa di letteratura di serie B.

Di saggi sulla letteratura fantastica o orrorifica tout court sono pieni gli scaffali: meno esplorata, se non del tutto trascurata, è la letteratura italiana che dal giallo passa al nero per poi affogare in un rosso (profondo, manco a dirlo) che più rosso non si può. Roberta Mochi non si limita a scegliere di occuparsi di un argomento di nicchia, pur molto interessante: decide di esagerare, e restringe il campo delle sue ricerche all'ultimo decennio, ma è una scelta tutt'altro che avventata, e anzi va a colmare un vuoto doloroso e scellerato. I due filoni principali che hanno animato la scena italiana dal 1990 al 2003 sono il neonoir di una conventicola di amici/scrittori stretti attorno al mentore Dario Argento, che dai tavolini di un pub di Trastevere sono finiti in radio (con una seguitissima trasmissione, "Appuntamenti in nero", che andava in onda su una radio locale romana, Radio Città Aperta) e infine sulle pagine di numerose, nerissime antologie e in secondo luogo i più goliardici cannibali della palestra Stile Libero Einaudi, che hanno terremotato il panorama editoriale italiano turbando più di una coscienza e scandalizzando più di un trombone per poi gradualmente tornare nelle retrovie. I primi seriosi e tetri, i secondi surreali e giovanilistici. Al primo gruppo appartengono Ivo Scanner (al secolo Fabio Giovannini), Marco Minicangeli, Antonio Tentori; al secondo Niccolò Ammaniti, Aldo Nove, Enrico Brizzi. Ma non mancano i cani sciolti, tutti puntualmente inquadrati dall'autrice: Alda Teodorani, Carlo Lucarelli, Paolo Di Orazio, Eraldo Baldini, Nicoletta Vallorani, Tiziano Sclavi: insomma il fior fiore di horror, noir, thriller, splatter italiano qui catalogato, sezionato (visto l'andazzo è il minimo) e approfondito anche con l'ausilio di una imponente bibliografia. Una guida agile, interessante, che fa venir voglia di andare a scovare (con prevedibili difficoltà ma altrettanto prevedibili soddisfazioni) i volumi dei quali si parla, spesso pubblicati da case editrici minori, più povere forse ma ricche di fantasia e di coraggio.

David Frati  (28-02-2005)

Leggi tutte le recensioni di David Frati


Vota il libro!
La media è 3.85 (92 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom