?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
La beffa di Modigliani
La beffa di Modigliani
Giovanni Morandi 
blank
Saggio, Italia 2004
174 pp.
Prezzo di copertina € 8
Editore: Polistampa , 2004
ISBN 88-8304-781-8


Polistampa

La cronaca minuto per minuto e i retroscena di una delle vicende più misteriose e grottesche del dopoguerra: il ritrovamento di tre teste scolpite nella pietra in un canale di Livorno dapprima attribuite erroneamente ad Amedeo Modigliani e poi rivelatesi clamorosi falsi. Con documenti originali, testimonianze d'epoca e trame colorate di giallo, l'autore getta nuova luce su quella che potrebbe essere ben più di una burla innocente.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

La beffa di Modigliani: Vero o falso?

Erano giorni in cui c'era poco da ridere e finì ancora peggio, perché a ridere si misero i pisani.

Estate 1984. L'eco di una controversa mostra su Modigliani organizzata dal Comune per celebrare il centenario della nascita del pittore/scultore non si è ancora spenta che iniziano a Livorno, nel Fosso Reale, le ricerche delle sculture che la tradizione vuole che Modigliani vi abbia gettato. Tra l'incredulità di molti, l'ammirazione di altri e la perplessità dei livornesi, l'amministrazione comunale toscana, consigliata dai fratelli Vera e Dario Durbè, fa allestire una speciale ruspa dai denti rivestiti di gomma che comincia a dragare il fango dei canali livornesi. Vengono trovate tre teste di pietra (una almeno annunciata e descritta da una lettera anonima) che vengono subito date per autentiche e celebrate con retorica e prosopopea da fior di studiosi e critici d'arte. Nel frattempo la figlia di Modigliani muore in circostanze misteriose: si saprà poi che la donna era in procinto di partire per Livorno, dove forse avrebbe messo in guardia dalla beffa, della quale era venuta a conoscenza anche lei grazie ad una lettera anonima. Appena viene pubblicato il libro che celebra i ritrovamenti, Panorama pubblica lo scoop: una delle teste ritrovate è opera di un gruppo di studenti della Livorno-bene, che esibiscono una accurata documentazione fotografica della perfida burla e nel corso di un memorabile speciale sulla RAI scolpiscono in pochi minuti una testa del tutto uguale a quella ritrovata con un trapano Black & Decker. Poco dopo il giovane e anticonformista scultore Angelo Froglia rende pubblico un video nel quale si vede lui scolpire le altre due teste ritrovate. Per il mondo dell'arte è una perdita di credibilità brutale, con una coda di polemiche, dimissioni e odii professionali durati decenni. Gli interrogativi posti dalla 'beffa di Modigliani' sono sempre i soliti: in base a quali parametri si può definire 'arte' un oggetto e non un altro? Che credibilità hanno i certificati di autenticità? Quanto c'è di oggettivo nella critica d'arte? A questi spunti interessanti, Morandi aggiunge il pepe del giallo internazionale, con gli interrogativi sulla tragica fine di Jeanne Modigliani, e il sale dell'inchiesta giornalistica, cercando di capire quali interessi economici ruotavano attorno all'eventuale ritrovamento di inediti di Modigliani. Con stile piano e scorrevole, l'autore riporta alla luce dal fango della cronaca una vicenda grottesca, scandalosa, e molto, molto italiana.

David Frati  (28-02-2005)

Leggi tutte le recensioni di David Frati


Vota il libro!
La media è 3.61 (100 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom