?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Vitalogia
Vitalogia
Elena Mastellaro 
blank
Romanzo, Italia 2004
136 pp.
Prezzo di copertina € 12
Editore: Tranchida , 2004
ISBN 88-8003-283-6


Tranchida

Un gruppo di ragazzi, perlopiù in carcere, racconta storie di vita. Eli entra ed esce di prigione, e conosce bene la ruvida arroganza delle guardie; Oz è un writer ribelle; Giovanni si è innamorato di una prostituta africana, Siria, e ha cercato di liberarla dalla schiavitù; Lisa Nilla è sprofondata nell'odissea di vivere a fianco di un compagno malato terminale di AIDS...

naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio naldinagrigio

Vitalogia: Ora d'aria

Prima della decisione definitiva le chiese: Ti vanno bene i peperoni piccanti?

La recensione di un libro, attività sempre delicata e in generale non priva di asperità, è a volte fonte per colui che ne ha l’incombenza di una buona dose di imbarazzo e grattacapi. E’ il caso di chi vi scrive di fronte a Vitalogia di Elena Mastellaro. Il che non vuol dire che il libro non abbia valore, anzi. L’autrice padroneggia la scrittura con maestria e disinvoltura (a volte persino eccessiva), e si abbandona spesso e volentieri a virtuosismi, salti narrativi, flashback, giochi di parole, allusioni. Una raffinatezza che però finisce per castrare il flusso narrativo, che quando invece scorre libero e in binari più consueti (come nella lunga parentesi dedicata alla storia d'amore tra Giovanni e Siria, ad esempio) convince ed emoziona. Anche la natura stessa delle storie di vita dei protagonisti, storie dure, metropolitane (eccezion fatta per le rimembranze 'rurali' di Giovanni e per l'episodio 'tropicale' di Amaranta), di degrado e sofferenza, si sarebbero forse giovate di uno stile più secco, crudo, diretto. Il sincopare fiorito di aggettivi tutto bruschi stop e ripartenze della Mastellaro, per quanto interessante dal punto di vista meramente stilistico, rende a volte quasi incomprensibile la trama (noi stessi non siamo per niente sicuri di averla compresa del tutto, e ce ne scusiamo con i lettori). Convincono di più il brusco esplodere della sessualità, il senso di rassegnata quotidianità con la quale i protagonisti sembrano attraversare i loro drammi, la tenerezza dello sguardo dell'autrice che traspare in più punti dalle maglie della narrazione.

David Frati  (22-01-2005)

Leggi tutte le recensioni di David Frati


Vota il libro!
La media è 2.21 (23 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom