?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Mare di Bering
Mare di Bering
Tullio Avoledo 
blank
Romanzo, Italia 2003
448 pp.
Prezzo di copertina € 17
Editore: Sironi , 2003
ISBN 88-518-0026-x


Sironi

Futuro prossimo. In Europa circola il nuovo euro, a Reykjavik si prepara un congresso di first ladies (quasi tutte uomini, perché il potere è quasi ovunque in mano a premier donne), il mondo è col fiato sospeso per la sorte dei marinai di un sottomarino nucleare ucraino affondato nel mare di Bering. Mika vive in un sobborgo di Pordenone, scrive tesi di Laurea su commissione, ha una ragazza molto bella e molto viziata, Amanda, un padre in crisi depressiva, un amico mafioso, Marino, uno intellettuale anticonformista, Rabo. Amanda frequenta una coppia passionale e bizzarra, formata dalla pittrice Vaiola e dall’androgina Silvia, che nasconde un passato ed un futuro pieni di segreti. La vita di Mika ha una svolta quando un amministratore delegato di mezza età lo fa contattare per far avere una laurea alla sua amante giovanissima e vicino a casa sua si trasferiscono due brutti ceffi...

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Mare di Bering: Nastro 54

“Adesso immaginatevi che il sopra sia il sotto. Non stiamo guardando in alto. Stiamo guardando in basso, verso un abisso di stelle. Guardate”. E noi guardammo, cazzo.

Non si può certo dire che il secondo romanzo di Tullio Avoledo non sia di difficile collocazione, tanto è ibrido, spurio, articolato. Dopo il successo de L'elenco telefonico di Atlantide, pubblicato prima da Sironi e poi da Einaudi, l’autore friulano continua (pur con indubbi sintomi di crescita autoriale, senza nulla togliere al fascino della sua ottima opera prima) con il suo approccio del tutto peculiare, quello cioè di partire da vicende di borghesi piccoli piccoli per inserirli poi nel quadro di complotti planetari, svolte storiche, eventi di portata globale, non senza venature fantapolitiche o fantastiche. Stavolta il contrasto è ancora più cocente: se certe allusioni sparse qua e là (forse troppo rare, ché ci si riduce ad attenderle con la trepidazione degli assetati: perché tanta avarizia, tanto più che si tratta di vicende funzionali alla trama e non di semplici pennellate di sfondo?) sembrano collocarci in un futuro plumbeo, algido, pre-Blade runner (il ricorrere della parola ‘acciaio’, i regimi destrorsi, i notiziari catastrofici), viceversa il registro della storia del povero protagonista Mika è grottesco, a tratti addirittura comico. Immaginate un povero cristo intrappolato controvoglia tra malavita e gelosia con disavventure alla Buster Keaton, una commedia degli equivoci eterna e per questo immancabilmente divertente, e mettete il tutto in un contesto nel quale si parla di terrorismo, piani segreti, disastri. Aggiungete una dose media di erotismo, qualche sequenza violenta (entrambi stemperati dall’ironia), un pizzico (ma proprio un pizzico...) di estetica fanta-noir (una scelta stilistica che potrebbe essere fotografata prendendo in prestito questa frase che l’autore fa dire ad uno dei personaggi: “Io credo che la civiltà sia una patina molto sottile, come la doratura di un orologio da poco, che poi con l'acqua o semplicemente col tempo o alla prima grattata contro un muro va via e lascia vedere cosa c’è sotto: il grigio e il freddo dell’acciaio”) e otterrete un romanzo davvero originale, dal fascino bizzarro, che conferma il talento di Avoledo e lo certifica più che pronto al definitivo salto di qualità.

David Frati  (15-01-2005)

Leggi tutte le recensioni di David Frati


Vota il libro!
La media è 3.21 (47 voti)
 

Dello stesso autore
Lo stato dell'unione
L'elenco telefonico di Atlantide

Articoli
Intervista a Tullio Avoledo
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom