?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Ti amo lo dici a tua sorella
Ti amo lo dici a tua sorella
Michela De Muro 
blank
Racconti, Italia 2004
61 pp.
Prezzo di copertina € 5
Editore: Coniglio Editore , 2004
ISBN 88-88833-21-8


Coniglio Editore

Una breve serie di racconti che mettono a nudo i sentimenti di una generazione, quella degli anni settanta, cresciuta, invecchiata, forse smarrita, ma ancora capace di slanci unici e di una grande creatività.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Ti amo lo dici a tua sorella: I sentimenti come unico filo conduttore

Il piccolo loculo era “arredato” come la cameretta di una ragazzina di dodici anni. Nel poco spazio che c’era davanti, sua madre aveva fatto in modo che non mancasse niente di cui sua figlia avesse potuto aver bisogno, da viva. Libri di scuola, romanzetti per ragazze, Barbie, peluches, caramelle, giornalini, anche un piccola radio a forma di Minnie, quelle che si comprano a pezzi dal giornalaio, insieme a Topolino. Nel corridoio centrale, proprio davanti a lei, aveva messo un grande angelo bianco a sorvegliarla e proteggerla (da che cosa ormai?). L’angelo è decisamente un angelo femmina, una specie di Madonna con le ali, con un vestito rosa e tiene in mano una tavoletta, rosa, con scritto: VOLA FELICE. Mamma.

Michela de Muro, attraverso lo spazio risicato del racconto, tenta il difficile compito di riappropriarsi in chiave analitica del proprio passato, che spesso stinge nella memoria storica. Non c’è un vero e proprio filo logico nell’architettura di questa piccola raccolta, ma un unico filo conduttore: quello dei sentimenti. L’autrice affronta il difficile tema dell’amore, analizzandolo da diversi lati, in maniera divertita e divertente, ma soprattutto riuscendo a suscitare curiosità.

Non tutte le storie di questa raccolta sono allo stesso livello. Se alcune sembrano non rendere giustizia alle capacità letterarie e narrative di Michela de Muro, altre riescono a stupire per la completezza e la grande ricchezza di espressioni. In particolare, spiccano "Jessica" e "Ringo", che sembrano avere un respiro ben più vasto delle dieci pagine in cui ognuna è confinata. Il racconto della madre che allestisce davanti alla tomba della figlioletta scomparsa racchiude un mix di disperazione, sgomento, ma anche un pizzico di sana ironia, così come la storia di una violenza subita negli anni settanta, rivela una profondità adeguata ad un romanzo breve. Le descrizioni di sesso e di amore rivelano una penna libera da preconcetti, ma velata di pudore, una sensibilità femminile e una delicatezza sempre più rara a trovarsi in autori professionisti.



Simone Bardazzi  (08-01-2005)

Leggi tutte le recensioni di Simone Bardazzi


Vota il libro!
La media è 2.63 (111 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Ti amo Hamid
Ti voglio bene ma non ti amo pił
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom