?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Prigione chimica
A chemical prison
Barbara Nadel 
blank
Thriller, Inghilterra 2000
311 pp.
Prezzo di copertina € 17
Editore: Hobby & Work , 2004
ISBN 88 7133 998 3


Hobby&Work

Istanbul. L’ispettore Ikmen e il suo amico d’infanzia, il dottor Sarkissian, si ritrovano a investigare sull’oscura morte di un ragazzo, ritrovato in un vecchio stabile nei pressi del museo Topkapi.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

Prigione chimica: L’ispettore Ikmen indaga

-Eccoti qui, tesoro della mamma – mormorò, sfiorando i lineamenti del ragazzo. – Hai un bellissimo naso… e una bocca decisamente femminile. – D’improvviso si rivolse a Sarkissian. – E’ stato strangolato, vero?

Dopo La figlia di Belshazzar, arriva in Italia la seconda delle cinque storie di Istanbul di Cetin Ikmen, l’investigatore turco protagonista delle storie di Barbara Nadel, scrittrice inglese con una lunga esperienza in campo psichiatrico e una grande passione per la Turchia.

Un thriller di forte impatto, con una trama complessa e avvincente, in cui vengono descritte efferatezze ottomane con l’eleganza dei migliori narratori oltremanica. La trama è molto fuori dal comune ed affronta temi di droga e pedofilia: apparentemente senza un movente, un ragazzo di vent’anni viene ritrovato morto, con gli arti atrofizzati e una rarissima sostanza chimica nel sangue. L’unico testimone è irreperibile e un misterioso burattinaio invia all’ispettore Ikmen degli inquietanti ninnoli di cristallo.

Prigione chimica è un romanzo ben scritto, con interessanti riferimenti storici al conflitto tra turchi e armeni, ed una bella ambientazione, forse un po’ troppo europeizzata (ed idealizzata). Un intreccio raffinato e coinvolgente in un bazaar multiculturale in cui il groviglio di moschee, strade e sontuosi palazzi nasconde misteriosi segreti.



S. M.  (03-01-2005)

Leggi tutte le recensioni di S. M.


Vota il libro!
La media è 2.58 (39 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom