?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Il fuoco di Jana
Il fuoco di Jana
Daniele Carbini 
blank
Romanzo, Italia 2004
154 pp.
Prezzo di copertina € 16
Editore: Valter Casini , 2004
ISBN 88-88807-92-6


Valter Casini

Daniele Abissi entra in casa propria, si versa un bicchiere d’acqua, si toglie la giacca, prende sigarette e accendino, va in terrazzo e scavalca la ringhiera. Seduto sul cornicione, lascia dondolare le gambe nel vuoto. Dal diciassettesimo piano. Perché?
Il terapeuta Robero Brain è chiamato ad una difficilissima sfida: convincere l’uomo a non suicidarsi.
Ma chi è Daniele Abissi? Niente, nella sua vita, sembra caratterizzare quest’uomo che conosce tutto e sa tutto e pare impermeabile a qualsiasi tentativo di introspezione. Un uomo che scruta tutti ma non viene scrutato.
E chi è Roberto Brain? Perché si sente vincolato ad Abissi? Che cosa lo attira in lui e perché sente che questo momento sarà decisivo per la sua vita? Un Sesto Senso all’italiana, pieno di riferimenti alla psicanalisi, alla filosofia, alla mitologia.
Con finale, ovviamente, a sorpresa.


naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio naldinagrigio

Il fuoco di Jana: Questo domani che non tornerà a cercarti

- Dottore!-
- Dimmi Abissi…-
- Siediti accanto a me, voglio raccontarti qualcosa sulla comprensione del corpo-
- …ma veramente…non è che muoio dalla voglia di rimettermi seduto ad un passo dal vuoto!-
-Non essere sciocco! Qui si sta bene, molto meglio del punto in cui ti trovi ora…sei al confine con il tuo baratro…qui invece sei vicino alla salvezza…”.


C’era uno scrittore di fantascienza, di cui non ricordo il nome, che aveva uno spiccato talento per le trovate narrative. Il problema era che aveva talmente tante idee che i suoi romanzi finivano per essere una summa di tante storie, nessuna pienamente sviluppata. Ovviamente questo scrittore era molto seguito dai professionisti del genere che, spesso, gli rubavano molti spunti per farne libri più funzionali e, certamente, più umani.
Leggendo il libro di Daniele Carbini mi sono ricordato di questa cosa. Anche qui abbiamo numerosi spunti e una serie di concetti che, in fondo, sono un po’ troppi per essere condensati in centocinquantaquattro pagine. Molte idee finiscono per essere affrontate con semplici slogan.
Anche l’uso degli stili di scrittura è vario e questo fa supporre che l’horror vacui, che permea il libro di trovate, sia del tutto volontario.
A me lettore resta un po’ faticoso affrontare in poche ore le seguenti tematiche: amore, morte, psicanalisi, suicidio, solitudine, mitologia, richiamo ancestrale, spiritismo, ricordo e memoria.
Alcuni grandi autori hanno impiegato qualche migliaio di pagine ad affrontare anche solo uno di questi argomenti.
Forse, però, tendo al minimalismo. Molti spunti di Carbini sono ottimi, molte scene davvero divertenti e la trama generale, che mi ha ricordato in parte Il sesto senso, davvero coinvolgente.
In certi tratti il romanzo ha i toni del thriller, soprattutto nella parte finale, e può ricordare lo stile di Carlo Lucarelli. Molto piacevoli anche alcuni cambi di punto di vista (ad esempio il terapeuta visto alla televisione dall’amante), alla maniera americana di Tom Wolfe.
L’idea è che basterebbero più pagine o qualche argomento in meno per farne un libro dalla lettura immediata e piena.


Nicola Manuppelli  (31-12-2004)

Leggi tutte le recensioni di Nicola Manuppelli


Vota il libro!
La media è 4.15 (213 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom