?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
L'affittacamere
L'affittacamere - Le inchieste del commissario Soneri
Valerio Varesi 
blank
Romanzo, Italia 2004
271 pp.
Prezzo di copertina € 14,50
Editore: Frassinelli , 2004
ISBN 88-7684-781-2


Frassinelli

Una Parma sonnacchiosa e ferma nel tempo. Un delitto che apre uno squarcio su una realtà dimenticata. E un commissario che per scoprire la verità decide di sporcarsi le mani e di mettere a nudo se stesso, facendo luce sul suo passato che credeva diverso.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

L'affittacamere: Un percorso a ostacoli che lega tra di loro destini sconosciuti

“…la verità è al di fuori delle nostre possibilità: ci dobbiamo accontentare di una plausibile apparenza. Tutto sta nell’averne fiducia…. “
“(…) ci si addormenta bambini e ci si sveglia già vecchi: quel che è successo in mezzo è solo un sogno convulso che svanisce presto”


Si legge d’un fiato, questo giallo metropolitano, come vien voglia di definire l’opera che Varesi ci regala. Interessanti i personaggi, veri fino in fondo, anche a rischio di risultare bozzettistici, come certe cartoline di città di provincia: che’ non manca niente di quel che si dovrebbe essere, anche se poi stride un po’. E così abbiamo il vice questore vicario, “cacasotto” e narciso, l’ispettore fedele e devoto che anche a Natale non ti dice no, la donna trascurata per un lavoro che è un morbo e gelosa del passato. E poi una miriade di personaggi ben tratteggiati e azzeccati, ognuno al suo posto, ognuno a recitare una parte. E al centro di tutto, lui, il protagonista - commissario. Che proprio perché è commissario è sempre più protagonista. Bello come Varesi ce lo disegna, cupo e solitario ma profondo. Finalmente un eroe perdente, un fallito patentato. Uno consapevole che la vita può anche sfuggirti di mano ma che bisogna andarle incontro lo stesso, aggredirla. Non vi raccontiamo la storia, sarebbe inutile e come per ogni giallo anche superfluo. Ma su un punto vogliamo soffermarci: piccole o grandi che siano, le vicende mettono a nudo l’indole dei loro protagonisti. Da questo romanzo a tinte fosche, pieno di nebbia e di fotografie in bianco e nero, viene fuori, invece, un profilo netto. E se possiamo permetterci, anche molto nobile: quello di un uomo impaurito dal suo passato, che teme i tempi andati e le sorprese che potrebbero esserci. Un uomo che non nega la debolezza. Ma questo stesso uomo, più carne che mente, non esita un solo istante ad andare incontro al suo passato doloroso che - lo avevamo capito noi stessi – non prometteva niente di buono. Anzi, semmai gli rimproveriamo quell’assoluta caparbietà a non tirarsi indietro, a voler osare fino in fondo.
L'affittacamere è una bella pagina di psicologia, un percorso a ostacoli che lega tra di loro destini sconosciuti e tutto sommato ci regala un po’ di quell’Italia andata. Un viaggio per curiosi tra i nostri luoghi nascosti e tra i segreti più profondi dell’umanita’


Chiara Lico  (03-12-2004)

Leggi tutte le recensioni di Chiara Lico


Vota il libro!
La media è 3.23 (43 voti)
 

Dello stesso autore
Il paese di Saimir

Articoli
lettera.com intervista Valerio Varesi
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom