?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Senza mai fermarsi - Viaggio con i nomadi americani
Ghost Riders: Travels with American Nomad
Richard Grant 
blank
Romanzo, Stati Uniti 2003
400 pp.
Prezzo di copertina € 18,50
Traduzione: Gaja Cenciarelli
Editore: Neri Pozza , 2004
ISBN 88-7305-937-6


Neri Pozza

Un giovane reporter scopre on the road la vita di nuovi e antichi nomadi americani.

naldina naldina naldina naldinamezzo naldinagrigio

Senza mai fermarsi: Born to run, sulla strada per sempre

Il viaggio americano di scoperta finisce in uno di questi due modi: con una sensazione di speranza o nella disperazione più nera. Ultimamente, dato che il mondo è diventato sempre più cupo, si è generalmente concluso nell'ultimo modo, senza che il suo percorso abbia condotto da nessuna parte. Il nomade dei nostri giorni di solito non scopre altro che il nulla, l'equivalente spirituale del paesaggio nichilista che lui stesso ha attraversato.

Ci sono i fans dei Phish e i DeadHeads, ci sono gli hobo che salgono e scendono dai treni (rischiando la vita ogni volta), i pensionati che inseguono le belle stagioni sui loro motorhome, i camionisti che vivono sul proprio, i fuggitivi e gli sbandati, quelli a cui Jack Kerouac è rimasto nel cuore e quelli che si trovano a loro agio soltanto sui bordi della strada. Il "viaggio con i nomadi americani" di Richard Grant è uno strano ritratto di quella nazione che chiamiamo ancora America. Il suo punto di partenza (perché in questo libro di arrivare non se ne parla proprio) sembra essere la definizione di Gertrude Stein: "Provate a immaginare uno spazio in movimento". Lui stesso, incapace di non sentirsi prigioniero tra quattro mura e con una parvenza di legame stabile, ha provato la vita del moderno nomade, pensando agli antichi viaggiatori (sia i conquistadores, sia i nativi), guidando macchine a noleggio, avvicinando e conoscendo molti di questi vagabondi nati per correre. Ognuno con la propria storia e i suoi motivi per non confinarsi in una casa dolce casa, ma tutti protagonisti di legami culturali complessi, che affondano nelle stesse radici storiche degli Stati Uniti d'America (questo è il nome corretto) e che raramente, o quasi mai, si riconoscono nelle istituzioni ufficiali. Anzi, tendono proprio ad essere fuorilegge e il loro non fermarsi mai è un anelito costante alla libertà. Il trucco di Richard Grant è abbastanza semplice: nasconde un voluminoso saggio in un diario di viaggio (molto personale nelle sue conclusioni), ma, pur essendo un espediente relativo, va direttamente incontro al lettore che scorrendo con agilità le quattrocento pagine di Senza mai fermarsi avrà modo di scoprire, oltre all'intima natura dei nomadi americani, anche l'essenza di personaggi straordinari come Cabeza de Vaca o Joe Walker, l'importanza dei bisonti e dei cavalli, dei sentieri e della luce, nonché come schivare le bottiglie di birra (vuote) lanciate dalle auto in corsa. Un ricco vademecum per tutti i vagabondi e un interessante spaccato di un'America perduta (outsider, solitaria e ribelle).

Marco Denti  (23-09-2004)

Leggi tutte le recensioni di Marco Denti


Vota il libro!
La media è 3.09 (55 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom