?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
I delitti del mosaico
I delitti del mosaico
Giulio Leoni 
blank
Romanzo, Italia 2004
322 pp.
Prezzo di copertina € 17
Editore: Mondadori , 2004
ISBN 88-04-52458-8


Mondadori

1300, Firenze. Nella badia di San Giuda, un eremo appena fuori città che sta subendo un massiccio restauro per divenire sede dello Studium, un'Università ante litteram, viene brutalmente assassinato Ambrogio, architetto e mosaicista. Delle indagini si occupa Dante Alighieri, appena eletto Priore della città. Circondato da funzionari stolidi e corrotti, Dante porta pian piano alla luce una trama occulta che lega in modo misterioso un'accolita di sapienti, il Terzo Cielo, una danzatrice venuta dall'Oriente, Antilia, e le macchinazioni politico-militari del Papa Bonifacio, che trama per conquistare Firenze.

naldina naldina naldina naldinagrigio naldinagrigio

I delitti del mosaico: l'orror che tutto move

Il paradiso è un inferno rovesciato. Come aveva sbagliato il pur grande Platone, quando aveva immaginato che la nostra anima scende dalle stelle. No, l'anima vuole soltanto tornare dove non è mai stata.

Giulio Leoni vince la sua idiosincrasia per la serialità e l'iterazione e pubblica una nuova avventura con protagonista il Sommo Poeta. Lo aveva fatto per la prima volta nel 2000, aggiudicandosi peraltro il prestigioso Premio Tedeschi per il suo Dante Alighieri e i delitti della Medusa: il nuovo romanzo è un prequel, ambientato nei primissimi giorni del Priorato di Dante a Firenze. Sul finire degli anni '90 del XIII secolo (una decina d'anni prima di pubblicare la Divina Commedia), Alighieri è profondamente impegnato in politica, e più precisamente nello scontro epocale che è in corso tra Papato e Comuni. Guelfo bianco, si oppone a papa Bonifacio VIII, che appoggia i neri, fa parte del Consiglio dei Cento poi del Potestà, e infine è eletto Priore nel 1300. All'entrata dei papalini in Firenze, poco tempo dopo, verrà condannato ad una pesante multa, all'esilio e infine alla morte (la condanna non verrà mai eseguita, il Poeta morirà in esilio nel 1321), ma questa è un'altra storia, che forse Leoni ci racconterà in un prossimo libro.
Come si evince dal mosaico che la vittima del turpe assassinio dal quale si dipana la vicenda stava costruendo, e dai successivi sviluppi della vicenda, lo spunto di Leoni (professore di Lettere e fervente ammiratore della poesia dantesca) è chiaramente l'episodio del 'Veglio di Creta' (Inferno XIV, 103), nel quale Dante descrive la grande statua di un vecchio (con la testa d'oro, le braccia ed il petto d'argento, il resto del busto di rame, le gambe ed il piede sinistro di ferro e il piede destro di terracotta) che volge le spalle all'Oriente e lo sguardo a Roma, una visione ispirata dall'episodio biblico (Daniele 2, 31-33) del sogno di Nabucodonosor e che allude al destino dell'umanità, svilita anche fisicamente (oro > argento > ferro > terracotta) dalla decadenza morale, ma che vuole con l'arma dell'allegoria anche attaccare il potere temporale della Chiesa, secondo Dante fragile e fuori luogo (il piede di terracotta).
Un giallo storico godibile ed interessante, che denuncia la preparazione accademica del suo autore e vive dell'accuratezza della ricostruzione storico-politica-culturale del periodo. Un po' più di grand-guignol, di ammiccamenti al pubblico più colto e di crudezza nelle descrizioni però non avrebbero guastato.


David Frati  (19-05-2004)

Leggi tutte le recensioni di David Frati


Vota il libro!
La media è 3.11 (95 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Delitti dal Vangelo secondo Giovanni
Delitti di fuoco
Delitti in codice
Delitti in treno
Piccoli delitti del cazzo

Articoli
Intervista a Giulio Leoni
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom