?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Via Appia Antica
Via Appia Antica
Ivana Della Portella  Giuseppina Pisani Sartorio  Francesca Ventre 
blank
Arte, Italia 2003
239 pp.
Prezzo di copertina € 30
Curatore: Ivana Della Portella
Fotografie: Franco Mammana
Editore: Arsenale , 2003
ISBN 88-7743-292-6


Arsenale

Un'occasione per ripercorrere l'intero tracciato della Via Appia Antica, itinerario ricco di testimonianze archeologiche e storico artistiche, guidati da un accurato apparato di informazioni su monumenti e riferimenti topografici e accompagnati da una narrazione avvincente. Dal tratto urbano fino ai colli albani, i luoghi del Latium Vetus da cui ebbe origine Roma e la sua leggenda, procedendo fino alla pianura pontina, dove alla storia delle cittą latine si sovrappone una storia pił recente e tutta medioevale di lotte tra impero e papato, e proseguendo ancora fino a Benevento dove la civiltą latina si dissolve e si contamina con quella dei longobardi, e pił a sud fino a Taranto per terminare il viaggio a Brindisi, ritrovando i luoghi dove civiltą romana e romanica convivono e talvolta si fondono in modo unico.
I momenti topici della storia di Roma e di una intera civiltą, i suoi miti e le sue leggende rivivono lungo il percorso, rievocati dai luoghi.
Rivivono le atmosfere e le impressioni che scrittori, poeti, pittori e viaggiatori - da Orazio a Byron, da Piranesi a Lorrain - hanno lasciato a testimonianza del loro transito lungo i basoli dell'Appia, in un viaggio nella memoria e nell'immaginazione di intere generazioni di uomini.


naldina naldina naldina naldina naldinagrigio

Via Appia Antica: appunti di un viaggio sentimentale

Si fa vagando sui suoi basoli sconnessi, misurando i nostri passi sulla sequenza diedrica di quel rettifilo rivolto verso l'Oriente, ritrovando la passione di ricomporre sul filo dei ricordi e delle impressioni le tracce di un percorso antico.

Da circa trecento anni mancava uno studio che ripercorresse per intero il tracciato viario dell'Appia Antica. Ora, a colmare questa lacuna bibliografica, è uscito un bel volume che ci guida lungo questo percorso ancora in molti tratti poco conosciuto sotto l'autorevole guida di due archeologhe (Giuseppina Pisani Sartorio e Francesca Ventre) e di una storica dell'arte (Ivana Della Portella, che è anche curatrice del libro), accompagnate dall'occhio del fotografo Franco Mammana. Un volume dedicato a una delle più importanti arterie viarie del passato (l'Appia regina viarum) che costituisce oggi un unicum per compresenza di valori archeologici, monumentali, paesistici e ambientali.
Da qualche tempo la Via Appia Antica è tornata al centro dell'interesse culturale e politico, ed è tornata a far parlare di sé non solo per la lunga storia di abusi perpetrati sul suo territorio, ma in quanto focus di numerose iniziative di riscoperta, tutela e valorizzazione.
L'Appia Antica è da sempre molto più di una semplice via di transito, di una ammirevole opera ingegneristica. È anche più di un luogo della storia, è un luogo della memoria e del cuore, come testimoniano non solo le emergenze archeologiche e artistiche che ne punteggiano l' intero percorso, ma anche le numerose pagine di letteratura che, da Orazio ai viaggiatori del Grand Tour, hanno lasciato in eredità le esperienze e le emozioni di quanti si inoltravano lungo l'Appia.
Con questo spirito la curatrice del libro propone, oltre a un avvincente itinerario archeologico e storico artistico, quello che lei stessa definisce un viaggio sentimentale, rivissuto attraverso i colti viaggiatori di altre epoche.
Partendo dal tratto urbano nel centro di Roma, le autrici accompagnano il lettore lungo il tragitto, soffermandosi sui luoghi e sui singoli monumenti in una sequenza narrativa che alterna al rigore scientifico delle descrizioni di carattere storico e archeologico osservazioni e annotazioni di carattere più ampio, culturale e letterario. Il lettore-viaggiatore virtuale si addentra in un percorso narrativo insolito, inusualmente destrutturato grazie all'utilizzo di una molteplicità di angolazioni (storiche, topografiche, letterarie, poetiche) e di focali (dall'analisi di un singolo monumento allo sguardo panoramico su uno scorcio di paesaggio). Il risultato atteso, e conseguito, è quello di condurre il lettore in una particolare dimensione di viaggio: "Perché questo non è un viaggio nel reale, ma un percorso nella memoria".
E nella civiltà. Questo libro sottolinea la valenza della Via Appia, antica porta d'Oriente, come via di scambio e di comunicazione tra storie e culture diverse, che lungo questa direttrice si incontrano e si compenetrano. E ne sottolinea il valore di arteria pulsante di una civiltà. Regina delle strade nei secoli dell'egemonia di Roma, impervia via di pellegrinaggio nei secoli che seguirono la sua decadenza, la via Appia non ha mai smesso di essere vettore di valori che hanno lasciato testimonianze eloquenti sul territorio.
Questo volume riafferma il carattere organico della Via Appia Antica, saldata ai territori che attraversa, alla loro storia e al loro retaggio culturale. E riafferma quindi l'urgenza di un progetto che difenda e valorizzi questo patrimonio nella sua interezza attraverso una nuova formula di gestione e fruizione, improntata ad un vero e proprio intervento di restauro territoriale che coinvolga tutte le amministrazioni competenti.


Paola Dell'Armi  (28-01-2004)

Leggi tutte le recensioni di Paola Dell'Armi


Vota il libro!
La media è 3.16 (30 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom