?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Middlesex
Middlesex
Jeffrey Eugenides 
blank
Romanzo, Stati Uniti 2002
606 pp.
Prezzo di copertina € 19
Traduzione: Katia Bagnoli
Editore: Mondadori , 2003
ISBN 8804511796


Premio Pulitzer 2003
Mondadori


Cal Stephanides è nato due volte. Una prima volta come una bambina - Calliope - nel 1960 a Detroit e poi nel 1974 come teenager - maschio - a Petoskey. Cal/Calliope è un ermafrodita. Seguendo le tracce del gene responsabile della sua condizione, Cal ripercorre la storia della sua famiglia a partire dalle origini sulle pendici del Monte Olimpo. Una folla di antenati dimenticati in fuga dalla storia e, finalmente, gli USA. Lo scontro tra tradizione - la prova del cucchiaino della nonna non dà scampo: sarà un bambino! - e scienza - il dottore dice il contrario - si risolve in un pareggio di proporzioni epiche. Fino al momento in cui dei comprensibilmente sconvolti genitori portano quella che pensavano essere una bambina dal dottore, che suggerisce una rimozione chirurgica degli attributi maschili. Calliope reagisce come ogni adolescente - maschio - di fronte ad una prospettiva di questo tipo: scappa. In California, per la precisione. Calliope diventa Cal. La storia continua.

naldina naldina naldina naldina naldinagrigio

Middlesex: le due vite di Cal

Sono nato due volte: bambina, la prima, un giorno di gennaio del 1960 in una Detroit straordinariamente priva di smog, e maschio adolescente, la seconda, nell'agosto del 1974, al pronto soccorso di Petoskey, nel Michigan.

Nove anni sono il tempo che è stato necessario a Jeffrey Eugenides per dare un seguito al suo acclamato debutto, Le vergini suicide. A giudicare dall'accoglienza riservata a Middlesex (un premio Pulitzer e consensi quasi unanimi), ne è valsa la pena. La scelta di fondo - Middlesex appartiene al sottogenere delle grandi saghe familiari, molto popolare negli USA - non è particolarmente avventurosa, come del resto non lo era neanche l'esplorazione del mondo adolescenziale e dei rapporti tra sesso e morte dell'esordio. Oggi come allora, però, Eugenides riesce a svolgere temi abbastanza convenzionali seguendo dei sentieri che convenzionali non sono. Il motivo portante di tutta la storia, l'ermafroditismo del protagonista, serve a Eugenides a costruire un complesso sistema di rimandi tra il retaggio greco della sua famiglia d'origine, il mondo della grecità antica e perduta - Ermafrodito è una figura mitologica greca - e l'America della scienza - frequenti sono le digressioni di carattere medico scientifico - ma anche dei teen ager e del loro malessere - la giovane Calliope ha qualche comprensibile problema nel mettere a fuoco la sua identità -. Middlesex è, da dovunque lo si guardi, un libro che tende alla sovrabbondanza. Sovrabbondanza di personaggi, di temi trattati, di suggestioni e Eugenides, a tratti, sembra non avere il completo controllo della sua creatura. E' difficile non notare la differenza di tensione tra i viaggi nel tempo della prima metà del libro e l'arrivo dell'adolescenza del protagonista. A non tradire alcun segno di stanchezza è invece uno stile che rimane brillantissimo dalla prima all'ultima pagina di uno dei libri più importanti della stagione.

S. M.  (06-06-2003)

Leggi tutte le recensioni di S. M.


Vota il libro!
La media è 3.5 (32 voti)
 

Altri libri per parola chiave
Le Correzioni

Articoli
Incontro con Jonatham Lethem e Jeffrey Eugenides
Incontro con Jonatham Lethem e Jeffrey Eugenides(2)
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom