?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Testimone inconsapevole
Testimone inconsapevole
Gianrico Carofiglio 
blank
Romanzo, Italia 2002
316 pp.
Prezzo di copertina € 11
Editore: Sellerio , 2002
ISBN 88-389-1800-7




Guido Guerrieri è un affermato avvocato, quarantenne, barese, sposato. All'improvviso la sua vita privata subisce un grosso scossone e si ritrova in una profonda crisi. Dopo anni passati a lasciarsi vivere, senza farsi troppe domande, la sua esistenza cambia radicalmente e si ritrova da solo. Questo repentino ed improvviso stravolgimento rende insopportabile e spiazzante tutto quello che prima era usuale e scontato. L'omicidio di un bambino di nove anni attribuito ad un giovane ambulante senegalese riesce, però, a scuoterlo dal torpore e a farlo ripensare ad i suoi fallimenti in maniera diversa, costruttiva. Ed ecco che assumere la difesa di Abdou Thiam dall'accusa d'omicidio lo riporta ad una nuova realtà professionale, privata e soprattutto umana.

naldina naldina naldina naldina naldinagrigio

Testimone inconsapevole: il senso della giustizia

Quando ero bambino e mi chiedevano cosa volessi fare da grande rispondevo lo sceriffo. Il mio idolo era Gary Cooper in "Mezzogiorno di fuoco". Quando mi dicevano che in Italia non esistono gli sceriffi, ma tutto al più i poliziotti, rispondevo con prontezza. Sarei stato un poliziotto sceriffo. Ero un bambino duttile e volevo dare la caccia ai cattivi in un modo o nell'altro.

Alla fine di Testimone inconsapevole si pensa una cosa davvero poco originale: "ma perché non ho scritto io questo romanzo?". Sarà banale, ma è proprio questa la domanda che mi ha accompagnato dopo aver finito di scorrere queste pagine. Perché questo pensiero? Probabilmente perché la scrittura è semplice e scorrevole, le vicende facili da immaginare, la figura del protagonista vicina a chi legge, i fatti ed i luoghi chiari e ben definiti. Guido, il protagonista, diventa quasi un eroe attraverso un percorso doloroso e complesso. La moglie lo lascia, rimane da solo e il suo ipocrita e stantio equilibrio viene meno. In un momento di pura infelicità, medici, farmaci, avventure, insonnia, depressione ed apatia diventano i suoi compagni. Accanto a questo, però, continua a svolgere svogliatamente il suo lavoro ed è così, quasi per caso, che accetta di difendere un senegalese, Abdou Thiam, accusato dell'uccisione di un bambino di nove anni.
Così la vita di Guido inizia a risalire, proprio mentre quella di Abdou precipita; l'avvocato riesce paradossalmente a risolvere le sue vicende, a decidere di stare meglio, a ritrovarsi e a ritrovare la passione per la vita ed il lavoro attraverso le sofferenze e le angosce del giovane ambulante che vede aprirsi, sempre più minacciose, le porte del carcere.
Lo stile è avvincente, ci si appassiona a Guido, ad Abdou ed anche ai personaggi secondari, descritti con grande umanità, che diventano sempre più definiti e reali. A metà romanzo il destino del senegalese sembra segnato: indizi e testimonianze lo inchiodano. E' proprio questo che spinge Guido a dipanare la matassa. Ricerche, pensieri, indagini si intersecano con la ricerca personale e privata dell'avvocato che cerca se stesso oltre alla verità. Lo stile asciutto e convincente riesce ad evitare che il racconto diventi scontato e che non ceda a facili colpi di scena o a trovate banali.
Perfetta la descrizione della città di Bari, vista in maniera diversa da quella che ci si immagina di solito, e del suo mondo giuridico attraverso i personaggi ed i luoghi, come il tribunale, teatro di incontri, intrighi e crocevia di varia umanità.
Questo lavoro di Carofiglio, definito impropriamente "legal thriller", termine che ricorda troppo i grossi volumi di genere americani, è un romanzo davvero brillante, che unisce l'impegno civile e politico alla fragilità umana che ognuno porta dentro di sè.


Alice Scolamacchia  (21-02-2003)

Leggi tutte le recensioni di Alice Scolamacchia


Vota il libro!
La media è 3.7 (81 voti)
 

Dello stesso autore
Il passato è una terra straniera
Ragionevoli dubbi
Né qui né altrove
Le perfezioni provvisorie
La manomissione delle parole
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom