?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Media Activism
Media Activism-Strategie e pratiche della comunicazione indipendente
AA.VV. 
blank
Saggio, Italia 2002
234 pp.
Prezzo di copertina € 14
Curatore: Mattia Pasquinelli
Editore: DeriveApprodi , 2002
ISBN 88-87423-873


Scheda Rekombinant
DeriveApprodi


Il 6 agosto 2001 attraverso le immagini trasmesse dal TG5 molti di noi sono venuti a conoscenza di avvenimenti e realtà sconcertanti: delle modalità e brutalità dell'irruzione della P.S. nelle aule della scuola Diaz di Genova e dell'esistenza di un' informazione alternativa e per certi versi antagonista a quella ufficiale. A questa informazione si deve la paternità delle immagini più significative. Stiamo parlando di Indymedia, il network indipendente che ha documentato l'evento G8 "armato delle proprie videocamere" e che, come altri gruppi attivi soprattutto in situazioni estreme (Imc, Indipendent Media Center), si propone di raccogliere immagini senza filtri né censure o mediazioni giornalistiche, realizzando una vera e propria controinformazione che spesso (s)confina nella migliore tradizione della propaganda.
Media Activism rappresenta e raccoglie le esperienze del settore confrontandole tra loro. E' un testo rigorosamente e coerentemente copyleft, scritto a più mani "da vecchi amici ed enigmatici nickname" a cura di Mattia Pasquinelli, ex giornalista RAI e webmaster di rekominant.org.


naldina naldina naldina naldina naldinagrigio

Media Activism: dont'hate the media, be your media!!!

Il mediattivismo è modello e metafora del fare società. I media indipendenti sono la cartina di tornasole del legame sociale e democratico e il laboratorio in cui le diverse aree dimostrano le proprie capacità di "fare società".

Da Indymedia a Candida TV, da Radio Gap ai Weblog (alias Blog), la comunicazione indipendente ed il mediattivismo sono ormai fenomeni sociali e culturali di dimensione mondiale, innescatisi a seguito di eventi estremi come Seattle N30 o Genova G8 e via-via sviluppatisi grazie alla massiccia diffusione di tecnologie a basso costo.
Media Activism si propone di introdurre il lettore (non proprio neofita) alla scoperta ed alla migliore comprensione dei complessi meccanismi che governano questa nuova frontiera dell'informazione indipendente intesa come "fucina di un nuovo modello culturale per il mondo a venire".
Il risultato è un manuale essenzialmente pratico che schematizza e rileva i più importanti progetti e modelli autogestiti che si sono sviluppati negli ultimi anni su scala mondiale (molto significativa è l'esperienza di Indymedia). Vengono analizzati gli ambienti collegati ai network, intervistati i programmatori e gli scrittori freelance che, con talento e passione, contrastano dal basso (vedi l'evoluzione dei tre media, radio, video, tv a confronto con l'esperienza di Candida tv) la "piramide dei media dominanti", verso il progetto di un Media Forum mondiale che stenda e diffonda la carta mondiale dei diritti della comunicazione.
Il testo è essenzialmente operativo, scritto "sul campo" o meglio, per dirla con il curatore Mattia Pasquinelli, una sorta di "scatola degli attrezzi" per immaginare, progettare e smontare i media, contribuendo al raggiungimento "di una massa critica per un salto di qualità della comunicazione indipendente e la costituzione di un network di strategia e progettazione politicamente efficace".
A completamento del testo cartaceo, un sito che rappresenta e raccoglie la sfida di un possibile seguito: www.rekombinant.org/media-activism.


J. K.  (07-11-2002)

Leggi tutte le recensioni di J. K.


Vota il libro!
La media è 3.18 (66 voti)
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom