?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
L'amore rimane
L'amore rimane
Mario Fortunato 
blank
Romanzo, Italia 2002
172 pp.
Prezzo di copertina € 14,46
Editore: Rizzoli , 2002
ISBN 88-17-86887-6


Rizzoli

Il luogo da cui prende vita la difficile vicenda di casa Sciaki è un piccolo paesino calabrese, dove non è difficile rintracciare qualche elemento di sottesa autobiografia. Al centro delle pagine, la storia del farmacista Elia e di sua moglie Lea. E' ad essi, e a un amore di difficile soluzione, che l'autore dedica tutta la prima sezione del libro. Una passione che sfocia nel sangue, nel delitto, durante un inverno di proporzioni russe, dentro quella neve che viene giù in "fiocchi leggeri e silenziosi, che hanno ripreso a cadere dal cielo".
Agosto 1951. E' Anna stavolta, ultima figlia di Elia, a consumare il suo desiderio proibito, durante una stagione soffocante e il ricordo di una settimana di vacanza in campagna. Non mancano le annotazioni e i riferimenti per proiettarci nel cuore emotivo e sensuale della vicenda: "La casa non è certo una reggia, però ci siamo organizzati abbastanza bene. Il tempo è bellissimo, fa caldo. La notte è la cosa che mi piace di più, perché è fresca, silenziosa e dura poco. Mi piacerebbe, una di queste notti, non dormire per niente". Una nuova stagione carica di segreti e simbolismi, pronta a riallacciarsi all'antico senso di colpa, al delitto del povero dottorino Italo Blasi, scoperto ai piedi di un castagno dentro una pozza di gelo.
Anni Sessanta, infine. A chiudere questo straziante romanzo civile dedicato all'amore negato, la scoperta di un sentimento omosessuale nell'ultimo personaggio della famiglia: il giovane nipote di Anna, alle prese con una tormentata educazione sentimentale, nei giorni dell'assassinio di Kennedy, e durante un Natale che tarda ad arrivare col suo carico di attese e malinconie. "Perciò mi eclissai da casa della nonna e mi riavvicinai a Massimo. Lui fu generoso e leale. Temevo mi avrebbe respinto. Temevo che avrebbe approfittato del mio riavvicinamento per farmi scontare l'indifferenza e la distrazione che gli avevo elargito negli ultimi mesi. Ma Massimo era cresciuto. Lo avevo già visto di ritorno dal viaggio a Chianciano: nel volgere di pochissimo tempo, nel suo corpo c'era stata una trasformazione profonda. Ogni cosa in lui adesso sembrava al proprio posto, lo sguardo, i gesti, il tono della voce e i muscoli della gambe e delle spalle. Improvvisamente Massimo non era più un mio coetaneo. Possedeva un fascino che per ragioni misteriose mi rendeva febbrile e insieme attonito. Cominciai a seguirlo in tutti i suoi giochi. Lo seguivo come un'ombra".

L'amore rimane è un romanzo che esplora il bisogno d'amore, una vicenda che si traduce in narrazione familiare, in affresco storico e indagine esistenziale. Una storia dai contorni misteriosi, che si protrae nel tempo, attraverso le generazioni, come un'oscura legge del sangue. E una scrittura semplice, schietta, capace di vibrare come un cuore palpitante sulle corde dolorose della vita.


naldina naldina naldina naldina naldina

L'amore rimane: quel canto dell'amore civile

Un romanzo che si interroga sul significato del termine "appartenenza" e sul disagio che ogni diversità comporta: per cercare di comprendere se, nella ferita aperta fra passato e presente di ciascuno di noi, sia possibile svelare un destino che metta d'accordo regole collettive e libertà individuale. (dal risvolto di copertina)

L'amore rimane arriva in libreria dopo opere di notevole risonanza, che hanno permesso al pubblico internazionale di conoscere e apprezzare il nome del narratore calabrese, oggi direttore del prestigioso Istituto Italiano di Cultura a Londra.
Una voce forte, quella di Fortunato, che fin dal lontano esordio con la raccolta di storie brevi Luoghi Naturali, metteva a nudo il suo intento di poetica. Il racconto di una verità interiore scomoda, coraggiosa, sofferta, pronta ad affermarsi ben al di sopra di apparenze e inganni, per mezzo di una narrazione intima che facesse dell'amore - ma soprattutto, del bisogno d'amare liberamente e senza imposture - il nucleo tematico e provvidenziale della propria presenza nel mondo. Un mondo contemporaneo - per dirla con Tondelli - fatto di viaggi, di letture, di corrispondenze telefoniche. Una dimensione aperta, dove la ricchezza delle possibilità deve per forza di cose fare i conti con le algebre del cuore e del sentire, e dove la scrittura assume la forza catartica di una rivelazione, e il pensiero può muoversi, agile, tra riferimenti e sottintesi.
Tutto ciò rivela un bisogno fondamentale: quello dell'osservazione e della sintesi. Anche nei precedenti romanzi, dalle vicende inquietanti di Sangue alle belle pagine de L'arte di perdere peso, o ancora alla struggente autobiografia de L'amore, romanzi e altre scoperte avvertiamo sempre quella sorta di minimalismo essenziale eppure lirico, vagamente sognante, quel fondo di semplicità linguistica legata a un'impellenza di verità e alla certezza di fare del messaggio letterario una testimonianza irrinunciabile e una magica opportunità.
L'amore rimane conserva tutto questo, aggiungendo tuttavia al racconto un momento di dolce ripiegamento, una specie di velata nostalgia delle radici.
Pochissimi intellettuali possiedono l'onestà, il coraggio, la volontà dell'impegno di Mario Fortunato. La scrittura, in fondo, è il modo migliore per essere al mondo. Per costruirci delle esistenze parallele e immaginarie, che facciano della nostra una delle infinite storie possibili. Quella dell'autore è dettata dal libero pensiero e dalla voglia di lasciare un segno bruciante, limpido e duraturo.


Luigi La Rosa  (19-08-2002)

Leggi tutte le recensioni di Luigi La Rosa


Vota il libro!
La media è 2.55 (36 voti)
 

Dello stesso autore
L'arte di perdere peso

Altri libri per parola chiave
L'amore dura tre anni
L'amore fatale
L'amore goloso
L'amore immaginario
L'amore in ombra
L'amore per caso
L'amore perduto e la teoria dei quanti
L'amore ucciso
L'amore è un cane che viene dall'inferno
L'amore è una droga leggera
L'amore, il matrimonio, i chili di troppo
L'amore, qualunque cosa significhi

Articoli
L'amore rimane: quel canto dell'amore civile
Due chiacchiere con Mario Fortunato
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom