?
lettera.com [libri con qualcosa di speciale dentro]
home
libri
articoli
archivio
Sincronia erotica sulle ali degli angeli
Sincronia erotica sulle ali degli angeli
Fausto Beniamino La Rosa 
blank
Racconti, Italia 2001
0 pp.
Prezzo di copertina
Editore: Le Streghe - Pixel Press , 2001
ISBN


http://www.sincroniaerotica.it

"Un uomo, camminando sulle strade del luogo in cui vive, scivola nell'illusione di scorrere in un fiume di occhi che anelano al controllo della sua volontà. Lungo altre vie una donna, lambendo gli sguardi e gli odori degli abitanti della sua stessa città, ha la sensazione di ospitare nel proprio corpo una liquida corrente di pulsioni vissute da estranei. Ciò si verifica ad Overnight e quasi nessuno si meraviglia: chi è vissuto da questo nome non si oppone al volere invisibile che bagna i sentieri lungo i quali palpita il senso della fine perpetua. Perché se mai qualcuno tentasse di capire il motivo per cui le azioni compiute hanno l'aspetto dei pensieri repressi, il cerchio che avvolge Overnight inizierebbe a girare, a specchiare incomprensibili immagini nelle menti dei suoi abitanti, rendendo gli schiavi del destino i padroni dei desideri dei morti." (Fausto B. La Rosa, http://web.tiscali.it/sincroniaerotica/overnight.htm)

naldina naldinagrigio naldinagrigio naldinagrigio naldinagrigio

Sincronia erotica sulle ali degli angeli

..fra il suona dello sbattere d'ali
e la luce degli occhi grigi nella forma d'insetto,
copro le mie orecchie per non udire
e chiudo i miei occhi per non guardare
quegli angeli che mi respirano accanto,
gli angeli dalle striature d'insetto?.


Il libro comincia come un tentativo di romanzo erotico, in un'overdose di aggettivi che sembra la parodia lessicale di una masturbazione poco ispirata.
Ma subito si svela l'incubo, la morte, la follia di un mondo dove tutto è qualcos'altro e niente è definibile. Un incubo che non viene raccontato ma in cui il lettore viene piuttosto fatto precipitare, privandolo di ogni comprensibilità e costringendolo ad andare avanti solo per provare a capirci qualcosa. E torna anche l'eros, questa volta più coraggiosamente, sfidando con l'audacia (l'incoscienza?) dell'opera prima il prevedibile accoppiamento (non solo in senso lato) con la morte.
E il lettore si inoltra così, con alcuni degli abitanti di Overnight (ma perché i nomi inglesi? Ce n'era veramente bisogno?), in un bosco dove già altri hanno perso la via, e se stessi, in uno snervante caos di presenze deliranti, di vite, di morti.
Un viaggio durante il quale chi scrive queste righe deve a questo punto confessare di essersi persa, smarrita, sopraffatta da occhi liquidi, da donne di 30 anni che dieci anni prima avevano figlie di 18, da personaggi che cambiano nome ogni due righe, da dialoghi che sembrano dimostrazioni a priori della pazzia.
Insomma, non sono riuscita a finire il libro, nonostante gli interessanti versi che aprono ogni capitolo: è possibile fare un appello all'autore perché abbandoni la prosa a favore della poesia?


Paola Casella  (28-10-2001)

Leggi tutte le recensioni di Paola Casella


Vota il libro!
 
mascherato  Il libro mascherato

Riteniamo che il sistema alimentare debba essere riorganizzato sulla base della salute: per le nostre comunit`, per le persone, per gli animali e per il mondo naturale.


newsletter news - lettera


cerca


Feed - lettera

rss RSS / atom Atom